CPE: il Quebec presenta le sue offerte; avvio delle trattative nazionali

-

Stai navigando nel sito web di Radio-Canada

Vai al contenuto principaleVai al piè di paginaAiuto alla navigazione Inizio del contenuto principale

CommentiAccedi alla sezione commenti

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

I lavoratori del CPE sono divisi in tre grandi sindacati. (Foto d’archivio)

Foto: Radio-Canada / Julie Marceau

La stampa canadese

Pubblicato alle 16:50 UTC

A più di 13 mesi dalla scadenza dei contratti collettivi, il Quebec presenta finalmente le sue offerte a tutti i sindacati che rappresentano le migliaia di lavoratori dei centri per l’infanzia (CPE).

Lo ha confermato martedì l’ufficio del presidente del Consiglio del Tesoro, Sonia LeBel. Non vuole commentare ulteriormente in questo momento.

Questa presentazione di offerte da parte del Quebec permette di avviare le trattative per il rinnovo dei contratti collettivi scaduti dal 31 marzo 2023, cioè contemporaneamente a quelli del settore pubblico.

I due principali raggruppamenti di questi sindacati, vale a dire il FSSSaffiliato al CSNe il FIPEQaffiliato al CSQricevi queste offerte del datore di lavoro martedì, e il FTQ Mercoledì.

FIPEQ aveva presentato le sue domande nel settembre 2023; Là FSSS lo ha fatto la settimana scorsa.

Le due federazioni sindacali si dicono pronte ad avviare le trattative già da diversi mesi. Ma in febbraio la ministra LeBel aveva dichiarato che avrebbe aspettato che i tre centri sindacali avessero presentato le loro richieste prima di presentare le sue offerte.

Le richieste sindacali riguardano aumenti salariali, sostegno ai bambini con bisogni speciali e congedi.

Commenti Commenti
>>>>>>>>

Newsletter informativa nazionale

Notizie, analisi, resoconti: due volte al giorno, ricevi le notizie essenziali.

Le nostre app

Pratiche giornalistiche

-

PREV lavoratori avvelenati da un liquido chimico
NEXT Payerne: bilancio 2023 positivo per l’ospedale intercantonale di Broye