Canfor annuncia la chiusura di una segheria e la sospensione degli investimenti nella Columbia Britannica

-

Canfor Corporation ha annunciato la chiusura definitiva della sua segheria Polar a Bear Lake, British Columbia, nonché la sospensione del suo progetto di reinvestimento a Houston, British Columbia.

L’azienda attribuisce queste decisioni alla continua carenza di legname economicamente sostenibile e alle difficili condizioni di disboscamento nella Columbia Britannica settentrionale.

La segheria Polar, con una capacità produttiva di 300 milioni di piedi di tavole all’anno, è ferma da gennaio 2024. La chiusura definitiva riguarderà direttamente circa 180 dipendenti.

“L’accesso a legname sufficiente e conveniente è fondamentale per la nostra attività”, ha affermato Don Kayne, Presidente e CEO di Canfor Corporation. “Sebbene la Columbia Britannica abbia un’adeguata fornitura di legname, i livelli effettivi di raccolto sono diminuiti in modo significativo negli ultimi anni, raggiungendo livelli mai visti dagli anni ’60”.

Canfor ha sottolineato diversi fattori che contribuiscono a questo declino, tra cui disturbi naturali come incendi e infestazioni di scarafaggi, nonché cambiamenti politici e una maggiore complessità normativa. Secondo Canfor, questi fattori hanno ostacolato la sua capacità di acquisire costantemente legname sufficiente per sostenere le sue operazioni, portando a chiusure e restrizioni alla produzione come quella della segheria Polar.

Dato il clima economico incerto creato dai continui cambiamenti politici e normativi, Canfor ha anche annunciato la sospensione del suo piano per costruire una nuova segheria all’avanguardia a Houston, nella Columbia Britannica. L’azienda ha espresso sfiducia nella riuscita di un investimento così significativo nel contesto attuale.

“Queste decisioni sono incredibilmente difficili, soprattutto considerando la nostra storia di 85 anni nella Columbia Britannica”, ha affermato Kayne. “La cosa più importante è che hanno un profondo impatto sui nostri dipendenti, sulle comunità e sui partner che dipendono da un’industria forestale sana. »

Canfor si impegna a collaborare con i sindacati per sviluppare un piano di transizione per i dipendenti interessati, compresi pacchetti di buonuscita e altri supporti. L’azienda sta anche cercando modi per cedere i diritti di ceppo associati per sostenere altri produttori locali che affrontano problemi simili di accesso al legname, nella speranza di evitare ulteriori chiusure o restrizioni alla produzione di legname.

#Canada

-

PREV Incidente mortale, vigilanza arancione, nuovo negozio a Mondeville: novità dal 1° maggio a Caen
NEXT Interni luminosi, 3 camere da letto, un grazioso cortile: un nido affascinante e accogliente a 234.900 dollari