“Abbiamo grandi risorse da mostrare”

“Abbiamo grandi risorse da mostrare”
“Abbiamo grandi risorse da mostrare”
-

Anche se quest’estate si conoscerà la città che ospiterà l’Eurovision, il consigliere di Stato crede nelle possibilità di Ginevra.

«Assolutamente», esclama il ministro della Cultura ginevrino. Due giorni dopo la vittoria di Nemo all’Eurovision, Ginevra ha già chiesto di ospitare la 69e edizione del concorso. “Abbiamo reali possibilità”, commenta Thierry Apothéloz. Abbiamo reali possibilità, il 2025 è il 75° anniversario della creazione dell’Unione europea di radiodiffusione (EBU). Abbiamo un carattere internazionale, abbiamo un carattere progressista, aperto. Abbiamo grandi risorse da mostrare”. Anche se Losanna e Locarno hanno già ospitato l’Eurovision, il consigliere di Stato assicura che questo sarà il miglior file che verrà scelto dalla SSR e non necessariamente una città di lingua tedesca come priorità.

Oltre al Palexpo e alla sua grande capacità di accoglienza, la vicinanza all’aeroporto, la capacità alberghiera e l’estensione della pianura di Plainpalais sono i punti di forza del dossier di Ginevra. Rispetto a Basilea o Berna, il dossier ricorderà la capacità di Ginevra di organizzare grandi eventi e di “farne un momento forte e inclusivo”. Adesso non resta che convincere: “Dovremo fare lobby, dovremo spiegare”, conclude.

#Swiss

-

PREV un motociclista in assoluta emergenza dopo un incidente a Uzès
NEXT Cherbourg. Questa figura del femminismo partecipò alla Comune di Parigi, le fu dedicata una targa