Un’eredità RMC: la scienza incontra il Parlamento

-

13 maggio 2024 – Storie di difesa

Didascalia

Maj Matt McTaggart del Royal Military College of Canada (RMC) si rivolge ai partecipanti a Science Meets Parliament, un simposio ospitato da RMC che riunisce membri della comunità scientifica canadese con parlamentari e altri membri del governo presso lo Shaw Center di Ottawa, Ontario, il 7 maggio 2024.

Science Meets Parliament – ​​un evento che offre ai ricercatori canadesi la formazione e l’opportunità di comunicare le loro idee complesse ai parlamentari e conoscere le sfide che devono affrontare i politici – è stato lanciato sei anni fa da due rinomati professori di chimica del Royal Military College of Canada ( RMC): Dott.ssa Cécile Malardier-Jugroot E Maggiore Matt McTaggart, in collaborazione con il Canadian Science Policy Centre e il Chief Science Advisor del Canada.

“RMC è stato uno dei principali sponsor del programma sin dall’inizio”, ha affermato Maj McTaggart. “In quanto università militare, RMC ha immediatamente riconosciuto l’importanza vitale di un rapporto forte e robusto tra le persone che stanno generando conoscenza in Canada, comprese le forze armate canadesi, e coloro che potrebbero utilizzarla per il bene pubblico”.

Aprire le linee di comunicazione tra questi due mondi è stato fondamentale per facilitare la creazione di rapporti di fiducia tra senatori e parlamentari da un lato, e delegati scientifici dall’altro.

Didascalia

Il presidente della Camera dei Comuni, l’onorevole Greg Fergus, PC, MP, si rivolge ai partecipanti a Science Meets Parliament.

Ritornato per la sua quarta edizione dopo il grande successo del passato, Science Meets Parliament 2024 si è svolto di persona a Parliament Hill, con 50 individui accuratamente selezionati provenienti da diversi background scientifici, linguistici e personali e comunità che abbracciano il Canada e rappresentano diverse istituzioni per costruire forti legami con la politica. Comunità.

Il primo evento di quest’anno è iniziato il 15 gennaio, durante il quale i delegati hanno avuto l’opportunità di partecipare a otto sessioni virtuali prima di effettuare la spesa 6-7 maggio incontro con i politici federali a Parliament Hill.

A differenza di altri eventi “Day on the Hill”, Science Meets Parliament è un evento esplicito non lobbismo E apartitico sforzo per costruire relazioni tra i ricercatori canadesi e i politici federali, riflettendo l’impegno di RMC nel promuovere l’eccellenza accademica a beneficio pubblico.

La scienza incontra il Parlamento
Didascalia

(da sinistra a destra): Dott. Peter Thornton, Ufficio del consigliere scientifico capo; Peter Serles, Cal Tech; Marianne Black, Università di Victoria; Trushar Patel, Università di Lethbridge; Cécile Malardier-Jugroot, Collegio militare reale del Canada; Mehrdad Hariri, Presidente, Centro canadese per la politica scientifica; Capo consigliere scientifico, Mona Nemer; Magg. Matt McTaggart, Royal Military College of Canada; Chris Caputo, Università di York; Homa Kheyrollah Pour, Università Wilfrid Laurier; Effie Pereira, Queen’s University; e Wendi Zhou, Health Canada.

DND Foto di: Caporale Charles Audet, Camera da combattimento delle forze canadesi

“Sono orgoglioso del lavoro svolto dal nostro team e dell’impatto che RMC ha avuto attraverso il loro sostegno al programma”, ha affermato Maj McTaggart.

“Con la crescita costante di questo evento nel corso degli ultimi anni, si può affermare con certezza che Science Meets Parliament è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo, fornendo un prezioso complemento all’attenzione speciale di RMC sulla generazione e mobilitazione di idee creative a beneficio del Canada , tutti i canadesi e le nostre esigenze specifiche di difesa e sicurezza in questo momento di crescente incertezza geopolitica”, ha aggiunto la Dott.ssa Jill Scott, Preside di RMC.

Per saperne di più, visita sciencepolicy.ca o scrivi a [email protected].

-

PREV A Châlons, il centro genealogico della Marne cerca una nuova sede
NEXT Bollettini della settimana all’Assemblea nazionale: ha ragione il PSPP a lanciare l’allarme sul tempo davanti allo schermo per i giovani