Quasi 90 nuovi posti per i candidati a Monthey

Quasi 90 nuovi posti per i candidati a Monthey
Quasi 90 nuovi posti per i candidati a Monthey
-

Un nuovo centro di accoglienza per rifugiati aprirà tra pochi mesi a Monthey attraverso l’affitto dell’Hôtel des Cheminots. “Questa nuova casa collettiva creerà tra 80 e 90 posti per alloggi misti (famiglie, donne e bambini, single)”, ha annunciato lunedì il Canton Vallese.

È per far fronte all’afflusso di candidati che il Vallese apre questo centro, spiega. Sono infatti sempre di più i rifugiati provenienti dall’Ucraina, dall’Afghanistan, dalla Turchia e dalla Siria. Au point que la Suisse estime que 55’000 nouvelles demandes d’asile seront déposées en 2024. Du coup, le canton, qui a l’obligation de prendre en charge 4,1% des nouveaux arrivants – soit 2200 personnes – doit trouver de la piazza.

«L’Hôtel des Cheminots risponde ai bisogni immediati dell’Ufficio per l’asilo e non necessita di disposizioni particolari», precisa Vallese. Le persone rimarranno in una casa famiglia per circa sei mesi prima di essere distribuite nei diversi appartamenti affittati dal Cantone. Aggiunge “che garantirà la diversità all’interno delle case, sia in termini di composizione familiare che di nazionalità, in vista dell’integrazione socio-professionale”.

Dall’inizio della crisi migratoria nel marzo 2022, l’Ufficio per l’asilo ha più che raddoppiato la sua capacità di accoglienza nel Vallese. Tredici nuove sedi sono state aperte nelle diverse regioni del cantone, in particolare a Brig, Martigny, Châtelard, Fiesch, Anzère, Ovronnaz e Sion. Attualmente il Vallese accoglie e assiste più di 6.600 persone nel campo dell’asilo.

-

PREV Nel fine settimana di Pentecoste il traffico di ritorno si intensifica intorno al San Gottardo – rts.ch
NEXT “Abbiamo cambiato presidenti, ma il neocolonialismo è ancora lì”