Adji Sarr si sarebbe rivolto alla Francia dopo che gli era stato rifiutato l’asilo in Svizzera

Adji Sarr si sarebbe rivolto alla Francia dopo che gli era stato rifiutato l’asilo in Svizzera
Adji Sarr si sarebbe rivolto alla Francia dopo che gli era stato rifiutato l’asilo in Svizzera
-

Adji Sarr, noto per aver accusato di stupro l’attuale primo ministro del Senegal, Ousmane Sonko, è fuggito dal Senegal dopo la caduta del regime di Macky Sall, cercando asilo in Europa. Tuttavia, la sua speranza di trovare rifugio in Svizzera è stata vanificata quando la sua richiesta di asilo è stata respinta, costringendola a recarsi a Lione, in Francia.

Secondo le informazioni riportate dal sito Exclusive.net, la domanda d’asilo di Adji Sarr è stata respinta dalle autorità svizzere a causa delle procedure europee d’asilo che prevedono che il richiedente debba presentare la sua domanda nel primo paese dell’Unione Europea in cui arriva. “Per ottenere asilo, il richiedente deve presentare la sua domanda nel primo Paese che raggiunge, cioè nel primo Paese in cui mette piede”, ha dichiarato una fonte diplomatica a Exclusive.net. In questo caso, Adji Sarr è arrivata per la prima volta in Francia, il che significa che la competenza per esaminare la sua richiesta spetta a questo Paese.

Prima di fuggire in Europa, Adji Sarr ha attraversato via terra la Mauritania, da dove ha poi volato. La sua accusa contro Ousmane Sonko ha scatenato un’ondata di polemiche in Senegal, con ferme smentite da parte dell’imputato, divenuto poi Primo Ministro. Queste accuse hanno portato ad un processo sotto il precedente regime, che si è concluso con una condanna per fatti estranei alle accuse iniziali.

La caduta del regime di Macky Sall e l’elezione di Bassirou Diomaye Faye a presidente e Sonko a primo ministro hanno fatto precipitare la decisione di Adji Sarr di lasciare il Senegal, nonostante non fosse stata presentata alcuna denuncia o minaccia esplicita.

#Senegal

-

PREV Questa cascata del Gard, sconosciuta ai turisti, è una meraviglia ben conservata dell’Occitania
NEXT Quasi 90 nuovi posti per i candidati a Monthey