Migliaia di persone vengono evacuate mentre gli incendi crescono “drammaticamente” nel Canada occidentale | Notizie sulla crisi climatica

Migliaia di persone vengono evacuate mentre gli incendi crescono “drammaticamente” nel Canada occidentale | Notizie sulla crisi climatica
Migliaia di persone vengono evacuate mentre gli incendi crescono “drammaticamente” nel Canada occidentale | Notizie sulla crisi climatica
-

Migliaia di persone nella provincia più occidentale del Canada, la Columbia Britannica (BC), sono state evacuate dalle loro case mentre le autorità avvertono che un enorme incendio continua a crescere.

In un video condiviso online domenica sera, Cliff Chapman del BC Wildfire Service ha affermato che l’incendio del Parker Lake Wildfire ha mostrato “una rapida crescita e un elevato comportamento in caso di incendio” da quando è iniziato venerdì, a ovest della città di Fort Nelson.

Una piccola comunità di circa 3.000 residenti, Fort Nelson si trova a 1.600 km (995 miglia) a nord di Vancouver, nel nord-est della Columbia Britannica.

“Durante il fine settimana, l’attività degli incendi nel nord-est della provincia è aumentata notevolmente”, ha detto Chapman nel video.

Secondo le autorità, lunedì mattina presto, l’incendio aveva raggiunto 5.280 ettari (13.500 acri) e si trovava a soli 2,5 km (1,5 miglia) a ovest di Fort Nelson.

Ciò avviene mentre il Canada ha visto la sua stagione di incendi più intensa mai registrata nel 2023, con centinaia di incendi bruciati nelle province e nei territori di tutto il paese.

I massicci incendi costrinsero migliaia di persone ad abbandonare le loro case, distrussero intere comunità e mandarono enormi pennacchi di fumo negli Stati Uniti e in Europa.

Gli esperti affermano che la crisi climatica è stata in gran parte responsabile degli incendi record poiché le temperature più elevate hanno prolungato la stagione degli incendi in Canada e aumentato i fulmini, che sono generalmente la causa di circa la metà di tutti gli incendi nel paese.

Un’atmosfera più calda secca anche i combustibili del fuoco, come la vegetazione sui pavimenti delle foreste. Questi combustibili più secchi facilitano quindi l’inizio e la diffusione degli incendi e portano a incendi di maggiore intensità che sono più difficili da spegnere.

Nel nord-est della Columbia Britannica, a migliaia di residenti di Fort Nelson e della vicina Fort Nelson First Nation è stato ordinato di evacuare.

Rob Fraser, sindaco della municipalità regionale delle Northern Rockies, ha detto che circa 3.500 residenti hanno lasciato l’area. Ma alcuni sono rimasti, hanno riferito i media locali.

“Non possiamo sottolineare abbastanza l’urgenza di questa situazione”, ha detto domenica in una dichiarazione il capo della First Nation di Fort Nelson, Sharleen Gale, esortando chiunque sia rimasto nelle proprie case ad andarsene.

“Le vostre vite sono di fondamentale importanza ed è imperativo che lasciate immediatamente la comunità per la vostra sicurezza. Si prega di prendere sul serio questo avvertimento ed evacuare senza indugio”.

A ciò ha fatto eco Chapman del BC Wildfire Service, che lunedì mattina ha avvertito che venti sostenuti di almeno 25 km/h (15 miglia/ora) sarebbero attesi più tardi nel corso della giornata e potrebbero peggiorare l’incendio.

“Quei venti saranno qui per le prossime 48 ore”, ha detto Chapman ai giornalisti.

-

PREV Isère: un’operazione di “uccisione di liceali” nel Rossiglione questo martedì
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News