5 spettacoli per tutti i gusti al Théâtre Desjardins dall’autunno 2024 – Sorts-tu? – Media per gite culturali a Montreal e Quebec

5 spettacoli per tutti i gusti al Théâtre Desjardins dall’autunno 2024 – Sorts-tu? – Media per gite culturali a Montreal e Quebec
5 spettacoli per tutti i gusti al Théâtre Desjardins dall’autunno 2024 – Sorts-tu? – Media per gite culturali a Montreal e Quebec
-

La prossima stagione di spettacoli si svela al Théâtre Desjardins, a Lasalle. Dal ritmo alle risate, passando per lacrime e grandi melodie, il magnifico locale situato nel Cégep André-Laurendeau vedrà svolgersi sul suo palco spettacoli vari e sorprendenti. Eccone 5 che attirano particolarmente la nostra attenzione.

Soleil Launière
Martedì 1 ottobre 2024

Al momento in cui scriviamo queste righe, non è ancora noto se l’artista multidisciplinare Innu di Mashteuiatsh, Soleil Launière, vincerà il massimo dei voti al Francouvertes. Ma qualunque cosa accada in finale, la sua partecipazione al concorso di Montreal non passerà inosservata… Con la sua musica che esplora i temi dell’identità, del linguaggio, della femminilità e del matriarcato, e la sua inebriante presenza scenica, Soleil Launière sembra destinata alla gloria. Ben circondata dai musicisti del progetto CHANCES (Chloé Lacasse, Geneviève Toupin, Vincent Carré) e Simon Walls, Soleil Launière rende onore al suo primo album Taueupubblicato nell’autunno 2023.

Biglietti in vendita qui.

Alaclair Ensemble e Fouki
Giovedì 17 ottobre 2024

Quando si tratta di rap divertente ed edificante, in Quebec non c’è niente di meglio dell’Alaclair Ensemble e Fouki! Immaginali entrambi in rapida successione!

Fouki continua il suo irresistibile slancio degli ultimi anni ottenendo un successo dopo l’altro, mentre i veterani dell’Alaclair Ensemble hanno dato prova del loro valore e forse rappresentano il gruppo rap più forte del Quebec. Un’occasione unica per ascoltare, nella stessa serata, brani memorabili come Gayé, Copilota E Cielo insieme a inni come Questo era FLX E Famiglia.

Biglietti in vendita qui.

Razalaz
Mercoledì 30 ottobre 2024

Nel novembre 2022, abbiamo incontrato Olivier Salasar, il compositore dietro il progetto jazz-funk Razalaz, nell’ambito della serie di interviste Plate Turntable. Rinomato vibrafonista che ha accompagnato artisti affermati (in particolare Jacques Kuba Séguin e The Brooks), si era finalmente imbarcato nell’avventura di un primo album pienamente impegnato, intitolato Giungla gelida. Le canzoni del disco sono inebrianti, varie e piene di colpi di scena. Ma una piccola deviazione al Montreal Jazz Festival ci ha convinto che la versione dal vivo era ancora più amichevole e affascinante!

I piccoli tocchi latini e le melodie disco delle composizioni di Razalaz hanno il loro effetto, dando origine ad orchestrazioni abbondanti e varie. Una bellissima scoperta da fare!

Biglietti qui.

Verrò meno spesso
Giovedì 21 novembre 2024

Camille Paré-Poirier offre qui un adattamento per il palcoscenico di un commovente podcast intitolato Qualcuno immortale , che raccontava gli scambi tra la nonna di 92 anni, ricoverata in un CHSLD e che perdeva la sua autonomia, e lei stessa, una giovane donna sui vent’anni, anche lei angosciata dallo sradicamento del suo trasferimento a Montreal. Dall’opera scaturisce una riflessione profonda e toccante sul ruolo della badante, che fa rivivere anche il rapporto di affetto e di complicità tra due donne di generazioni molto diverse.

“Lo spettacolo ci ricorda più di una volta questa umana incapacità di accettare la propria perdita di controllo, anche quando la sperimentiamo”, ha scritto la nostra collaboratrice Sandrine Rastello vedendo lo spettacolo nella Quinta Sala della Place des Arts, al fine aprile.

Si prega di notare che dopo lo spettacolo verrà offerto un dibattito.

Biglietti qui.

Luglio
Sabato 25 gennaio 2025

Il cantautore Julyan, che conoscevamo dai gruppi The Seasons e Forest Boys, torna sul palco. Maestro di ritornelli accattivanti e frontman carismatico, Julyan è al crocevia tra un cantautore romantico e una feroce bestia da palcoscenico rock, il che lo rende un artista unico nel suo genere.

Il suo primo EP luglio, coprodotto con Jesse Mac Cormack, è stato incoronato “EP pop dell’anno” al GAMIQ nel 2020. A quanto pare Julyan offrirà il suo nuovo progetto che descrive come “l’album più personale e autentico fino ad oggi”. Lo promette!

Biglietti qui.


* Questo articolo è stato prodotto in collaborazione con il Théâtre Desjardins.

-

PREV Charente-Maritime messa in allerta arancione per rischio pioggia e inondazioni
NEXT Il premio cinese arriva in Francia