1 gilda nell’orto, perché farlo?

1 gilda nell’orto, perché farlo?
1 gilda nell’orto, perché farlo?
-
Pubblicato il 11 maggio 2024 da Le Réveil du Vivarais

Niente a che vedere con queste associazioni medievali, ma molto ispirate da queste ultime, le corporazioni dell’orto di permacultura sono particolarmente efficaci.

Oggi scopriamo queste famose gilde attraverso alcuni esempi concreti, per aiutarti a creare le tue gilde feeder.

Definizione di corporazioni

Una gilda è un’associazione di piante che interagiscono e si sostengono a vicenda, creando un ecosistema stabile e sostenibile. In genere è organizzato attorno ad una pianta principale di altezza maggiore rispetto alle altre, che viene accompagnata da altri esemplari all’interno di quella che viene chiamata processione vegetale.

Leggi anche: Ardèche – Le Jardin de Marion: proteggiamo la biodiversità nel nostro giardino

Tutti coesisteranno e forniranno servizi reciproci, ottimizzando le risorse: acqua, sole, sostanze nutritive, ecc. Queste piante possono svolgere molteplici ruoli all’interno della comunità delle piante di gilda. Innanzitutto, rendere accessibili in superficie i nutrienti del suolo che si trovano in profondità, quindi respingere i parassiti, attirarli per proteggere le piante vicine, attirare gli impollinatori, aerare e decompattare o addirittura strutturare e proteggere il suolo.

Nell’orto, l’esempio più spesso citato per illustrare queste associazioni benefiche è la corporazione delle tre sorelle: fagioli, mais e zucca. Il mais funge da supporto per i fagioli, mentre quest’ultimo svolge un ruolo di fissatore dell’azoto e avvantaggia i suoi compagni. La zucca, invece, ricopre il terreno e funge da pacciame naturale. Se vuoi creare un mini giardino forestale nel tuo orto, la gilda fa per te! Diamo un’occhiata ad alcuni esempi di gilde nella vita reale.

La Gilda dei Meli

Una volta piantato il melo, installa un’aiuola di fragole che servirà da copertura del terreno e limiterà così la crescita di erbacce indesiderate. È possibile installare sostanze aromatiche come erba cipollina, timo, salvia o anche rosmarino per fungere da barriera naturale contro gli insetti nocivi. Infine, si possono piantare fiori come il cosmo o la calendula da giardino (calendula) per attirare gli impollinatori.

Quello del ciliegio

Puoi installare lavanda e altri fiori profumati e aromatici per la barriera contro i parassiti. Timo e camomilla possono essere utilizzati come copertura del terreno contro le erbacce, ma anche per trattenere l’umidità del terreno. La melissa può essere piantata per scoraggiare i parassiti e fornire ombra alle coperture del terreno e alle radici degli alberi.

Quello del pesco

Includi legumi come piselli o fagioli, che aiuteranno la distribuzione uniforme dell’azoto tra le piante e l’albero. Piante perenni commestibili come il rabarbaro o la menta possono essere aggiunte per diversificare la produzione alimentare e fornire un habitat per gli insetti utili.

E infine, si possono piantare fiori come i nasturzi o le calendula per attirare gli insetti impollinatori e allontanare i parassiti. Sono anche commestibili.

Lo avrete capito, le corporazioni sono per noi vere e proprie isolette di carità verso la natura e mini dispense. Lavora per la natura e ti ricompenserà!

Le corporazioni di permacultura sono soluzioni per rimediare all’erosione del suolo, per creare una simbiosi tra le piante e quindi beneficiare di cibo sano e per coltivare nel modo più naturale possibile.

Buon giardinaggio!

Marion Beraud

-

PREV Un’auto polverizzata da un treno al passaggio a livello
NEXT Basket – Regionale Femminile 2: Pradines Lot Basket inizia le semifinali per il titolo di campione