Centro di supervisione urbana in Val-d’Oise: 143 telecamere installate

Centro di supervisione urbana in Val-d’Oise: 143 telecamere installate
Centro di supervisione urbana in Val-d’Oise: 143 telecamere installate
-

Di

Raffaello Delaveaux

pubblicato su 10 maggio 2024 alle 17:46

Vedi le mie notizie
Segui La Gazette du Val d’Oise

143 macchine fotografiche già installati in città, 250 entro la fine del mandato comunale, un passo importante per la sicurezza.

Giovedì 2 maggio, Benoit Jimenez, sindaco (Udi) di Garges-lès-Gonesse (Val-d’Oise), ha inaugurato il Centro di Vigilanza Urbana (Csu) e la nuova stazione di polizia nazionale, alla presenza di Sabrina Agresti-Roubache, sottosegretaria di Stato presso il ministro degli Interni e dei Territori d’Oltremare con delega alla Cittadinanza e Valérie Pécresse, presidente dell’Île- di Francia.

Questo locale di 400 m2di cui un quarto dedicato alla Csu, è uno “strumento per continuo Di sicurezza voluto dallo Stato”, dice il Segretario di Stato.

Sicurezza, priorità

“Nell’ultima classifica delle città più sicure d’ItaliaÎle-de-FranceGarges sta facendo il più grande balzo in avanti”, si rallegra Benoit Jimenez.

Per il sindaco, anche se un posto al centro del tavolo non è del tutto soddisfacente, “chi l’avrebbe mai detto Garges-lès-Gonesse un giorno sarebbe una città sicura? »

Il consigliere si dice entusiasta della costruzione della stazione di polizia e della CSU, che definisce “gioielli”.

L’eletto desidera inoltre effettuare a omaggio alle forze dell’ordine.

Video: attualmente su -

“Fanno molto lavoro nel nostro territorio. »

Aiuta a rilevare

«Servono per individuare più rapidamente i reati, grazie a strumenti concertati e potenti», aggiunge l’assessore.

E per una buona ragione: gli agenti hanno 17 articoli diversiintelligenza artificialein modo che gli agenti siano allertati, tra gli altri, in caso di discariche illegali o incendi.

Tre giorni dopo l’apertura del centro, uno degli operatori ha potuto osservare tre persone in un veicolo. Dopo le indagini, si è scoperto che avevano commesso un furto con scasso e avevano ancora con sé oggetti appartenenti alle vittime.

Benoit Jimenez, sindaco di Garges-lès-Gonesse

Operativo da inizio anno, il centro di vigilanza urbana conterà dodici operatori a gennaio 2025, grazie all’assunzione di quattro nuovi agenti.

Intelligenza artificiale

Il sindaco e la polizia desiderano accentuare questo sistema con l’aiuto di questo strumento digitale.

Il riconoscimento facciale non è ancora autorizzato dalla legislazione, ma è uno strumento prezioso che potrebbe facilitare l’identificazione dei delinquenti.

Benoit Jimenez

Valérie Pécresse sostiene questa affermazione.

“Oggi, grazie a queste telecamere, possiamo già pattuglia senza dover spostare gli agenti. Possiamo anche commettere crimini flagranti. È prezioso. »

Per il presidente della Regione «questo funziona per il successo dei distretti».

L’eletto traccia un parallelo tra questa videoprotezione e le telecamere installate sui trasporti pubblici.

“Ne sono state installate 100.000, il 30% dei crimini flagranti sono commessi tramite videopattugliamento. »

E ha aggiunto: “Voglio che usiamo i droni, come durante le manifestazioni a Parigi e altrove. »

L’innovazione sarà quindi al centro dei futuri cambiamenti nella gestione dei reati da parte delle forze dell’ordine.

Nonostante il diverso imprese proposto dai funzionari eletti, lo scetticismo regna nell’opposizione di sinistra.

Scetticismo

Invece di soddisfare le esigenze di sicurezza della comunità con soluzioni umane e impegnate, questo evento evidenzia un approccio eccessivo alla sorveglianza, concentrato più sulla verbalizzazione che sulla protezione reale.

Dean Nguyen, consigliere comunale del gruppo Vero cambiamento per Garges

Per il funzionario eletto, “piuttosto che promuovere un sentimento di sicurezzaquesta sovrabbondanza di telecamere di sorveglianza rischia di aumentare i timori sulla privacy e sulla libertà individuale.

Anche la stazione di polizia municipale, chiusa dal 2015, riaprirà i battenti nei prossimi mesi, “perché Gargeoises possa nuovamente depositare rimostranza e avere questo servizio locale”, conclude il sindaco.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV uno scherzo di cattivo gusto per i 111 festival indipendenti del Quebec
NEXT Come rompere l’impasse tra governo e FIQ?