“Siamo rimasti colpiti dalla generosità delle persone”: in Ariège, Mirapiciennes Marine ed Emma si impegnano come famiglia contro il cancro

“Siamo rimasti colpiti dalla generosità delle persone”: in Ariège, Mirapiciennes Marine ed Emma si impegnano come famiglia contro il cancro
“Siamo rimasti colpiti dalla generosità delle persone”: in Ariège, Mirapiciennes Marine ed Emma si impegnano come famiglia contro il cancro
-

l’essenziale
Due Mirapiciennes, Marine ed Emma, ​​si sono recentemente unite all’associazione Les Lyonnes de Tatooïne, che propone attività sportive alle donne malate di cancro. Parteciperanno al Raid Cœur d’Argan, ad Agadir in Marocco, e lanciano un appello per raccogliere donazioni per finanziare il loro progetto.

Due Mirapiciennes, Marine ed Emma, ​​si uniscono ad un’associazione: Les Lyonnes de Tatooïne. Creata a Lione, come suggerisce il nome, organizza eventi sportivi per donne malate di cancro al seno. Due le attività principali proposte ai pazienti: una gita in bicicletta a Sainte-Marie-la-Mer e la terapia con i cavalli. Viene organizzato anche un raid in Marocco, il Raid Cœur d’Argan, per raccogliere donazioni che finanzieranno queste azioni. Ogni anno, 15 equipaggi si riuniscono per viaggiare nel deserto e trovare segnali. Marine ed Emma hanno una missione: raccogliere fondi per finanziare questi eventi. Uniti sotto il nome di Seintillantes, sono l’unica squadra dell’Ariège a partecipare.

Ma ciò che è veramente importante per loro è essere coinvolti come famiglia. Marine ed Emma sono cognate e la madre di Marine era affetta da due tumori. Oggi è su una sedia a rotelle elettrica. “Quando sei un caregiver, non hai un momento per te stesso”, spiega Marine. “Il raid è un’opportunità per riunirci per una buona causa persona e un momento per te. Con mia cognata vogliamo dimostrare che attorno a una persona malata c’è una famiglia che si unisce. Cerchiamo di mettere le cose in prospettiva e vedere il lato buono delle cose il suo lato festoso e positivo.

“Attraverso il movimento guarirai”

Fondata nel 2014 da Valérie Lugon, anche lei affetta da cancro al seno, l’associazione offre alle donne l’opportunità di combattere la propria malattia attraverso l’attività. Gli incontri permettono loro di stare insieme. “Durante la sua remissione, Valérie ha trovato la serenità in Marocco, ecco perché lì è organizzato il raid. Tra tutti i trattamenti, l’importante è muoversi. Ecco l’idea: con il movimento guarirai”, dice Marine.

Man mano che le donne avanzano nel loro percorso di guarigione, a volte sono costrette ad affrontare se stesse. “Durante il raid si riuniscono, si aiutano, parlano e tutti si capiscono. Certi argomenti non vengono discussi con il partner o con la famiglia. È un’occasione per liberarsi”, spiega Emma.

I Seintillantes raddoppiarono i loro sforzi per ottenere quanti più fondi possibili per la causa e per finanziare il raid. “Siamo ancora in lista d’attesa, gli equipaggi sono già al completo, indicano. Il nostro obiettivo è chiudere il budget quest’anno, è fissato a 10.000 euro minimo. Anche se ciò significa partire l’anno prossimo, questo ci dà ancora tempo per raccogliere più fondi”.

“Tutti si sentono preoccupati”

Il raid è finanziato dalle donazioni fatte all’associazione. Possono provenire da privati, ma anche da aziende sotto forma di partnership. Sono coinvolti anche numerosi partner dell’Ariège, come la macelleria Biard a Varilhes, il commerciante di attrezzature agricole a Pamiers, l’impresa di piastrellisti Ferrand e l’agente immobiliare Safti a Mirepoix. “Siamo rimasti colpiti dalla generosità delle persone. Tutti si sentono preoccupati”, osserva Emma.

Attualmente, Marine ed Emma continuano il loro viaggio su Mirepoix. Vogliono trovare partner mirapiciani in modo che il villaggio possa essere sostenuto da questa causa. “Deve toccarli, deve essere una causa che parli loro”, spiega Emma. Questa incursione sarà la ricompensa dei loro sforzi: “Ringrazia il lavoro di un intero anno di vendemmia”, conclude Emma.

Le donazioni possono essere effettuate sulla piattaforma Hello Asso, specificando il nome della squadra: Emma e Marine, Les Seintillantes.

#French

-

PREV Il dizionario degli amanti della Mosella: TETTE DEL NOSTRO GIARDINO
NEXT Creuse: un giovane automobilista ha controllato a 172 km/h sulla RN 145