è qui che si prevedono ingorghi in Svizzera

-

Lo spettacolo che attende i tanti viaggiatori diretti a sud nei prossimi due fine settimana.Immagine: TRAPEZIO

Migliaia di automobilisti si dirigeranno a sud durante i lunghi fine settimana dell’Ascensione e della Pentecoste. Esistono alternative per evitare il San Gottardo, ma anche queste tratte saranno molto richieste. Ecco i posti peggiori.

A poche settimane dalle vacanze di Pasqua, le strade svizzere saranno nuovamente molto richieste nei prossimi due fine settimana. I ponti dell’Ascensione (9-12 maggio) e della Pentecoste (18-20 maggio) spingeranno molti automobilisti a prendere la strada del sud. Risultato: si prevedono grossi ingorghiindica questo lunedì il TCS.

Il punto caldo è sempre lo stesso: il tunnel del San Gottardo, che sarà “di nuovo molto trafficato durante queste vacanze”, avverte il TCS. I primi ingorghi dovrebbero comparire mercoledì 8 maggio all’ingresso nord e proseguire il giorno successivo, giorno dell’Ascensione. La situazione dovrebbe calmarsi nel corso della giornata di venerdì, prima dell’ondata di rientri, attesa domenica 12 maggio.

Lo stesso scenario si ripeterà il fine settimana successivo, durante la Pentecoste. Dovremmo vedere un picco di traffico venerdì pomeriggio e sabato mattina (17 e 18 maggio). I rallentamenti proseguiranno probabilmente per tutta la notte, mentre nel viaggio di ritorno il tunnel sarà particolarmente trafficato nelle giornate di lunedì e martedì (20 e 21 maggio).

Più di 27.000 veicoli

Uno sguardo ai dati dell’Ufficio federale delle strade (USTRA) conferma le previsioni del TCS. L’anno scorso nel giorno dell’Ascensione sono passati attraverso il tunnel del San Gottardo 22.745 veicoli, contro una media annua di 18.553: un aumento del 22%. La domenica dell’Ascensione erano ancora di più (24.805), mentre il picco è stato raggiunto il sabato di Pentecoste, con 27.863 vetture (+50%).

Ciò ha provocato ingorghi di 10 chilometri (giovedì dell’Ascensione) e 20 chilometri (sabato di Pentecoste), riferisce il TCS. Il che si traduce rispettivamente in attese di circa due e tre ore e mezza.

Esistono opzioni per evitare gli ingorghi, anche se non sono numerose. “I consigli dati valgono per i due ponti dell’Ascensione e della Pentecoste”, precisa il portavoce del TCS Laurent Pignot. Che riassume:

“Partire il giorno prima, oppure molto presto la mattina o la sera, o anche il giorno dopo, e provare percorsi alternativi, quando possibile”

Laurent Pignot, TCS

Rotte alternative (molto) richieste

Le alternative a disposizione degli automobilisti francofoni diretti a sud sono essenzialmente due: il Traforo del Monte Bianco e il Traforo del Gran San Bernardo. Non sono sicuro, però, che ciò basti ad evitare gli ingorghi. Come per il San Gottardo, anche questi due tunnel saranno «molto trafficati», prevede Laurent Pignot.

“Il Monte Bianco sarà molto affollato da martedì, a causa dell’8 maggio festivo in Francia”, spiega il portavoce del TCS. “Dalle 6 del mattino del 7 maggio fino alle 21 dell’8 maggio il traffico sarà quindi molto intenso”. Il picco dell’ondata di rientri è previsto domenica 12 maggio tra le 16 e le 21, anche se l’intera giornata sarà caratterizzata da “traffico molto intenso”, fino alle 23.

«Il Gran San Bernardo vedrà picchi di traffico dal mercoledì a mezzogiorno fino alla sera, così come il giovedì dalle 6 del mattino fino alla fine del pomeriggio», continua Laurent Pignot.

“Al ritorno, domenica 12 maggio sarà sinonimo di traffico al Gran San Bernardo dalle 10 e fino alle 2 di lunedì”

Laurent Pignot, TCS

Il TCS ricorda che, a differenza del San Gottardo, il Traforo del Gran San Bernardo è a pagamento.

I viaggiatori di lingua tedesca possono optare per una deviazione attraverso la strada del San Bernardino (GR). Anche in questo caso non sono da escludere disagi.

I dati dell’USTRA confermano le previsioni del TCS. Nel giorno dell’Ascensione 2023, il numero di veicoli in transito nel Traforo del Gran San Bernardo è aumentato del 153% rispetto alla media annuale. Il sabato di Pentecoste il traforo del San Bernardino ha registrato un incremento del 134%.

Colletti chiusi

In questo contesto il fatto che il tunnel del San Gottardo abbia solo una corsia per direzione non gioca un ruolo importante, ritiene Laurent Pignot. “Tutti i tunnel sono sinonimo di ingorghi quando si va in vacanza”, spiega. “E questo per tanti motivi”:

“Molti viaggiatori, traffico concentrato in un breve periodo di tempo, nonché un numero limitato di tunnel”

Laurent Pignot, TCS

Tuttavia, è difficile evitare i tunnel. I passi del San Gottardo, del Gran San Bernardo, del San Bernardino, del Susten e della Novena sono ancora chiusi e dovrebbero restare chiusi almeno fino a metà maggio.

Un’ultima alternativa consiste nel passare attraverso i tunnel ferroviari del Lötschberg e del Sempione, ricorda ancora il TCS. Optare per il treno permette anche di sfuggire agli ingorghi.

-

PREV L’ambasciatore indiano difende gli studenti stranieri sfruttati o truffati in Canada
NEXT DIRETTO. PSG-Dortmund: Hummels ghiaccia il Parco, il Paris deve svegliarsi (0-1)