Primo finalista dell’FC Bas Berry

Primo finalista dell’FC Bas Berry
Primo finalista dell’FC Bas Berry
-

Luant (D1): 0
FC Bas Berry (R2): 4

“È un vantaggio per noi. » Ancor prima dell’inizio della partita, l’allenatore di Luant, Dimitri Dardillac, voleva che le sue ragazze si divertissero in questa semifinale della Coupe de l’Indre perché sapeva che raggiungere la finale sarebbe stato complicato.

Perché, al contrario, la squadra dell’FC Bas Berry gioca nella Regional 2 elite. Anche se le giocatrici dell’Hugo Pentecost occupano il sesto e ultimo posto nella classifica, si trovano due divisioni sopra l’FC Luant, leader del girone nord della D1 femminile. “Sono super felice, la finale della Coupe de l’Indre era l’obiettivo da inizio stagione, affiderà a Hugo Pentecost una volta acquisita la qualifica. Le ragazze hanno fatto un ottimo primo tempo e poi si sono gestite nella ripresa. »

Un primo tempo a senso unico

Il primo tempo è infatti chiaro con un 3-0 per i meridionali. E il punteggio avrebbe potuto essere molto più pesante visto che i Luantaises sono stati dominati in tutte le aree del gioco con Coline Boutillon in testa (28e0-2), la velocità delle ragazze di Bas Berry è stata impressionante e non ha nulla a che vedere con quella delle locali che hanno quasi dato l’impressione di lasciare giocare le ospiti a loro piacimento. “Potrebbero aver sventato nel primo tempo”analizza la Pentecoste.

Se il punteggio non è cresciuto in modo esponenziale è grazie a Marine Heerwald. Il portiere del Luant, estremamente richiesto a differenza del suo omologo Bas Berry, ha effettuato diverse parate per contrastare i suoi avversari. Da parte sua, Dimitri Dardillac desidera ricordarlo “Di solito le ragazze giocano a otto e a metà campo. La fatica non è la stessa».

E nemmeno il piazzamento, costato diverse occasioni al Luantaises che, al minimo tentativo di avvicinarsi alla porta avversaria, subisce un immediato contropiede. Questi errori tattici hanno permesso al capitano del Bas Berry, Lina Daubord, di segnare due volte nel primo tempo (0-1, 12e ; poi 0-2, 44e).

L’efficacia della chat

Non sapremo cosa ha detto Dardillac alle figlie nello spogliatoio durante l’intervallo. Ma quando tornarono in campo, gli avversari si trovarono ad affrontare una nuova squadra. “Sono molto orgoglioso di loro, hanno dato tutto e hanno reagito molto bene nel secondo tempo. » Sentiamo subito i Luantaises più aggressivi, più presenti e con un ritmo più alto. Vanno sempre più spesso sul lato opposto del campo e restano lì anche più a lungo.

Le palle si conservano meglio e la prima ed unica vera occasione arriva all’82e con un tiro tentato quasi da metà campo. No, non si tratta di follia, ma semplicemente di sfruttare la posizione del portiere avversario, molto spesso avanzato di venti o trenta metri dalla sua gabbia. Sfortunatamente per Luant, la palla passa un metro a sinistra della porta.

Da parte sua, Hugo Pentecost giudica le sue figlie “gestito nel secondo tempo”. I giocatori di Bas Berry hanno dovuto aspettare fino all’85e e un cross di Camille Monteil che segna il quarto gol e porta a casa il punto. “La logica è rispettata, ha concluso Dimitri Dardillac. Sono orgoglioso, hanno dato tutto e si sono divertiti. »

Metà tempo: 0-3.
Obiettivi : Daubord (12e44e), Bouillon (28e) e Monteil (85e).

La seconda semifinale tra Obterre e Berrichonne, che si sarebbe dovuta giocare anche questo giovedì 9 maggio, è stata rinviata a domenica 26 maggio (12:30).

-

PREV Loira Atlantica. A 10 anni Luca si riqualifica per i Campionati del Mondo Ninja Course
NEXT Tensioni al Vieux-Longueuil: altri colpi di pistola in Rue Louise