I lavoratori in crociata contro le restrizioni legate alla “libertà di associazione e al diritto alla contrattazione collettiva”

I lavoratori in crociata contro le restrizioni legate alla “libertà di associazione e al diritto alla contrattazione collettiva”
Descriptive text here
-

In un comunicato stampa inviato alla redazione di Dakaractu, i lavoratori della Nestlé Senegal, membri dell’Unione Autonoma e Democratica dei Lavoratori delle Industrie Alimentari affiliata all’UNSAS, dichiarano di essersi impegnati in “un braccio di ferro contro i loro dirigenti che, per motivi fallaci , esclude la libertà di associazione e il diritto alla contrattazione collettiva in questa azienda. Dal 2023, le trattative sulle principali rivendicazioni dei lavoratori sono state bloccate nonostante l’intervento dell’ispettore del lavoro e della previdenza sociale, il 30 aprile è stato depositato un avviso di sciopero , 2024, d’altra parte, nell’ambito del rinnovo del mandato del collegio dei rappresentanti del personale, la direzione sta creando una deviazione violando deliberatamente le disposizioni della convenzione 87 dell’ILO ratificata da allora dallo Stato del Senegal 1960, legge 97-17 del 9/12/1997 relativa al codice del lavoro in particolare nel suo articolo L 211 e le disposizioni del decreto n. 67-1360 del 9 dicembre 1967 che stabilisce le condizioni e le modalità per la nomina dei rappresentanti del personale nelle aziende e definendo la loro missione”, hanno suggerito.

I lavoratori della Nestlé Senegal si rammaricano della posizione di tale direzione. “Oggi, ciò che è drammatico, dobbiamo deplorare che la nuova direzione cerchi di dividere il personale con metodi indecenti esibendo l’assenza del nome del sindacato di base affiliato all’UNSAS sui moduli di contribuzione individuale sindacale arrivando fino a richiedere la assistenza ai servizi dell’Ispettorato regionale del lavoro e della previdenza sociale di Dakar per redigere un rapporto sulle carenze datato 6 maggio 2024 che gli consenta di organizzare le elezioni per i delegati del personale sulla base di elenchi di candidature indipendenti a partire dal 15 maggio 2024. denuncia questo stato di cose e non può accettare questo sondaggio teleguidato che non tiene conto della dichiarazione unanime dei lavoratori sulla loro adesione al sindacato, anche se si basava solo sulla presentazione di moduli di adesione individuali firmati dai lavoratori non c’è bisogno di viaggiare per venire a vedere sugli atti in cosa consiste l’indagine… Sono stati rilevati molti vizi del procedimento già portati all’attenzione del giudice, visti gli elementi del fascicolo, più di 130 i singoli moduli di sottoscrizione sono stati prodotti, firmati e archiviati in debita forma come ulteriore prova.
In passato c’è stata l’assunzione di ispettori del lavoro presso Nestlé in qualità di Direttore delle Risorse Umane, nessuno di loro ha mai alimentato questo tipo di dibattito pernicioso nell’ambito dei rapporti professionali. Tuttavia, l’articolo L. 7 paragrafo 2 del codice del lavoro prevede che: Qualsiasi lavoratore o datore di lavoro può aderire liberamente ad un sindacato nell’ambito della propria professione. E’ necessario precisare quanto disposto dall’articolo 5 del citato decreto, oppure viene espressamente previsto “Se nell’istituto o nel collegio elettorale non vi è alcuna organizzazione sindacale rappresentata ovvero se le organizzazioni non esercitano il diritto di deposito previsto al comma 5 dell’articolo 11, tale carenza viene rilevata dall’ispettorato del lavoro e della previdenza sociale che autorizza il voto per liste di candidati non presentate dalle organizzazioni sindacali”, hanno precisato.

“Poiché il sindacato è presente alla Nestlé da più di vent’anni, siamo indotti a ritenere che le ultime elezioni dei delegati del personale avvenute nel 2020, sotto la supervisione dell’ispettorato regionale del lavoro e della previdenza sociale, il cui mandato è ancora in corso , non sono validi. Questo massacro deve essere fermato! Oltre all’evidente ingerenza del dipartimento delle risorse umane negli affari sindacali, la stragrande maggioranza respinge l’HRD, rifiuta lo svolgimento di queste elezioni telecomandate e deferisce la questione al tribunale competente sulla nullità di tale procedimento”, lamentavano.

#Senegal

-

PREV Thomery: contributo della Regione di 800.000 euro per due progetti strutturanti
NEXT Champagnole & Regione. I marcatori si sono uniti | Settimanale 39