SENEGAL-SOCIETE-PÊCHE / A Djibidione, la costruzione di un ponte ha influito negativamente sulle attività di pesca (sindaco) – Agenzia di stampa senegalese

SENEGAL-SOCIETE-PÊCHE / A Djibidione, la costruzione di un ponte ha influito negativamente sulle attività di pesca (sindaco) – Agenzia di stampa senegalese
SENEGAL-SOCIETE-PÊCHE / A Djibidione, la costruzione di un ponte ha influito negativamente sulle attività di pesca (sindaco) – Agenzia di stampa senegalese
-

Djibidione, 9 mag. (APS) – La costruzione del ponte di Djibidione ha avuto un impatto negativo sulle attività di pesca a livello locale a causa di tutti i fiumi, ha lamentato il sindaco di questa comunità del dipartimento di Bignona, Lamine Diemé.

A Djibidione le principali attività economiche ruotano attorno all’agricoltura, all’allevamento, al commercio, al disboscamento e alla pesca. Ma secondo il sindaco il potenziale di pesca non ha più risentito degli effetti della costruzione del ponte.

“L’impresa che ha realizzato i lavori del ponte aveva drenato la sabbia verso i corsi d’acqua (…) e questo ha finito per prosciugare tutta la zona”, ha osservato Lamine Diémé in un’intervista all’APS.

E per il signor Diemé, la società incriminata “si era tuttavia impegnata a rimuovere tutta la sabbia da questi corsi d’acqua”, “promessa rimasta vana”, secondo lui.

”E oggi, questo danno ambientale costituisce una delle maggiori preoccupazioni per le popolazioni locali; perché la loro attività di pesca è totalmente compromessa”, ha lamentato il consigliere comunale di Djibidione.

”Non abbiamo più pesce a livello locale; siamo costretti a ricorrere a Kafountine o al vicino Gambia per il nostro approvvigionamento di pesce”, lamenta Lamine Diémé.

Ha invitato le autorità competenti e i difensori dell’ambiente ad affrontare di petto questo problema per consentire alle popolazioni di Djibidione di riprendere le attività di pesca che costituiscono un’importante fonte di reddito e svolgono un ruolo importante nella sicurezza alimentare.

“La nostra istituzione municipale non ha i mezzi per pulire la sabbia dai corsi d’acqua e ricostruire l’habitat dei pesci. Chiediamo quindi allo Stato di gestire questa situazione con l’azienda in questione per la ripresa dell’attività di piscicoltura nella zona”, ha supplicato il sindaco del comune di Djibidione.

IM/MNF/OID

#Senegal

-

PREV Saint Jory. Il rugby continua la sua avventura nel campionato francese
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News