marcato calo della fertilità e mantenimento dell’aspettativa di vita ai livelli pre-pandemia

marcato calo della fertilità e mantenimento dell’aspettativa di vita ai livelli pre-pandemia
marcato calo della fertilità e mantenimento dell’aspettativa di vita ai livelli pre-pandemia
-

Quebec, 8 maggio 2024. – Nel 2023, il Quebec ha registrato uno dei tassi di fertilità più bassi della sua storia. L’aspettativa di vita è ferma ai livelli raggiunti prima della pandemia. In questo contesto, l’incremento naturale della popolazione, ovvero la differenza tra nascite e morti, era praticamente nullo. L’arrivo di un numero record di migranti internazionali, tuttavia, ha generato una forte crescita demografica, oltre a provocare un temporaneo rallentamento dell’invecchiamento della popolazione. Alla fine del 2023 il Quebec avrà quasi 9 milioni di abitanti. Questi pochi punti salienti sono presi da Rapporto demografico del Quebecpubblicato oggi dall’Istituto di statistica del Quebec.

La fecondità è tra le più basse mai registrate in Quebec, ma superiore a quella della maggior parte delle altre province

Nel 2023, in Quebec sono nati 77.950 bambini, in calo del 3% rispetto al 2022 (80.700) e il numero più basso dal 2005.

L’indice di fecondità scende sensibilmente a 1,38 figli per donna nel 2023, rispetto a 1,48 nel 2022. La fecondità resta poco al di sopra del minimo storico di 1,36 registrato nel 1987. Il calo dell’ultimo anno si inserisce in una tendenza al ribasso osservata da circa quindici anni.

Il declino della fertilità non riguarda solo il Quebec. Si osserva anche in Canada e in molti altri paesi sviluppati. A livello canadese, la fertilità del Quebec è superiore a quella della maggior parte delle altre province.

Nel 2023, la fertilità delle donne del Quebec è diminuita in tutte le fasce d’età tranne che tra le donne di età pari o superiore a 40 anni. L’età media alla maternità continua ad aumentare e si attesta a 31,3 anni.

La speranza di vita alla nascita è tra le più alte al mondo, nonostante la stagnazione degli ultimi anni

Il numero di decessi in Quebec nel 2023 è stimato a 77.550, in leggera diminuzione rispetto ai 78.400 decessi del 2022. Ciò porta l’aspettativa di vita della popolazione del Quebec a 82,5 anni nel 2023, un livello simile a quello osservato prima della pandemia. Le donne possono sperare di vivere fino a 84,3 anni e gli uomini fino a 80,7 anni, a seconda delle condizioni osservate nel 2023. Anche se l’aspettativa di vita è piuttosto stagnante in Quebec dal 2016, rimane tra le più alte al mondo.

Osserviamo un aumento della mortalità tra i 25-44 anni nel periodo 2020-2023, che si spiega principalmente con l’aumento dei decessi per overdose. Tuttavia, l’aumento della mortalità a queste età è meno marcato in Quebec che nel resto del Canada o degli Stati Uniti.

Incremento migratorio record, ma inferiore a quello del resto del Canada

Nel 2023, l’insieme degli scambi migratori con l’esterno del Quebec (internazionali e interprovinciali) ha generato un guadagno totale di circa 217.600 persone, che supera nettamente il picco precedente registrato nel 2022 (circa 150.700 persone).

In proporzione alla popolazione, l’aumento demografico attribuibile alla migrazione esterna ammonta al 2,5% nel 2023, un aumento di portata mai raggiunta almeno dal 1972. Nel resto del Canada, la crescita migratoria è ancora più elevata, 3,3%, inaudita per un paese OCSE almeno dal 1950.

Nel 2023, il Quebec ha accolto 52.800 immigrati come residenti permanenti, e soprattutto ha registrato un aumento senza precedenti di 174.200 residenti non permanenti (principalmente lavoratori stranieri temporanei, studenti internazionali e richiedenti asilo). In cambio, l’emigrazione netta verso l’estero (–5.200 persone) e il saldo degli scambi migratori con le altre province (–4.200 persone) hanno comportato solo perdite limitate.

Più di un terzo degli immigrati proviene da Francia, Camerun e Cina

Nel 2023, il Quebec ha accolto l’11% di tutte le persone ammesse in Canada come residenti permanenti.

La Francia è in testa alla lista dei paesi d’origine degli ammessi in Quebec (13%), davanti al Camerun (12%) e alla Cina (11%). Seguono Algeria, Marocco, Tunisia e Haiti, da dove proviene tra il 4% e il 5% degli immigrati.

Il 1° gennaio erano presenti in Quebec più di 560.000 residenti non permanentiehm Gennaio 2024

Il forte aumento del numero di residenti non permanenti registrato nel 2023 porta il loro numero totale a 560.200 persone su 1ehm Gennaio 2024. A quella data, il Quebec era il luogo di residenza del 54% dei richiedenti asilo presenti in Canada, del 19% dei lavoratori temporanei, dell’11% degli studenti internazionali e del 15% di coloro che erano in possesso sia di un permesso di lavoro che di un permesso di studio, secondo alle stime di Statistics Canada basate sui dati amministrativi di Immigration, Refugees and Citizenship Canada.

Un raro abbassamento dell’età media della popolazione

Nel 2023, l’età media della popolazione del Quebec sarà di 42,7 anni, rispetto ai 42,8 anni del 2022. Il calo è modesto, ma segna una pausa nella tendenza al rialzo degli ultimi decenni. Il rallentamento dell’invecchiamento della popolazione deriva dall’arrivo di un numero senza precedenti di migranti internazionali, la cui età media è inferiore a quella della popolazione nel suo complesso. All’1ehm Luglio 2023, il 21% della popolazione del Quebec ha 65 anni e più, una quota pari a quella dei giovani sotto i 20 anni, mentre il 58% ha un’età compresa tra 20 e 64 anni.


Da 25 anni, l’Istituto di Statistica del Quebec produce, analizza e diffonde informazioni statistiche ufficiali, oggettive e di qualità su diversi aspetti della società del Quebec. È responsabile della realizzazione di tutte le rilevazioni statistiche di interesse generale. L’importanza del suo lavoro lo rende un alleato strategico per i processi decisionali e una fonte essenziale di informazioni per tutte le persone che vogliono saperne di più sul Quebec.

#Canada

-

PREV I 12 festival imperdibili da non perdere in Quebec quest’estate
NEXT A Bricqueville-sur-Mer, gli studenti hanno ridipinto le capanne della Vanlée