Capodanno a Haute-Vienne, città il cui granito è stato utilizzato nella costruzione del campanile della stazione di Limoges

-

Saint-Sylvestre si è sviluppata grazie all’attività mineraria. La roccia è essenzialmente un leucogranito alcalino di mica bianca o nera con feldspato che si decompone in caolino. Dal 1950 al 1992, nell’ambito dello sfruttamento dei giacimenti di uranio, vi furono sfruttati la pegmatica e più particolarmente la pechblenda. Saint-Sylvestre è oggi un villaggio rurale molto piacevole da vivere, circondato da una natura generosa che potrete scoprire grazie ai suoi due sentieri classificati nel PDIPR: il sentiero dei monaci di Grandmont e il sentiero dei cavatori. Anche il Capodanno è una bella eredità. La chiesa di Saint-Sylvestre, dove si trova il busto reliquiario di Saint Étienne de Muret, è stata dichiarata monumento storico nel 1971; la Roche Branlante nonché il Rocher de la Baleine e lo Château de Cloud nella frazione di Cloud.

Angélique TERRANA, sindaco di Saint-Sylvestre ©Radio Francia
Stephane Pigato

Angélique TERRANA, sindaco di Saint-Sylvestre, ci presenta la sua città

caricamento

Bernard Jusserand, della Società degli Amici di Saint-Sylvestre e dell’Abbazia di Grandmont ©Radio Francia
Stephane Pigato

Bernard Jusserand, della Società degli Amici di Saint-Sylvestre e dell’Abbazia di Grandmont, ci racconta gli scavi che hanno portato alla luce i resti di questa Abbazia.

caricamento

#French

-

PREV messo in atto un dispositivo importante ma nessun ferito
NEXT Il turismo indigeno del Quebec lancia una serie web