più di 550 alloggi arredati e camere messe a disposizione dei lavoratori dell’Hérault

più di 550 alloggi arredati e camere messe a disposizione dei lavoratori dell’Hérault
più di 550 alloggi arredati e camere messe a disposizione dei lavoratori dell’Hérault
-

La stagione 2024 si preannuncia complicata per i professionisti del turismo, della ricettività e della ristorazione. Molti posti di lavoro stagionali sono ancora vacanti per mancanza di candidati. Per motivarli, la prefettura dell’Hérault ha appena messo online delle offerte di alloggi ammobiliati a prezzi ragionevoli.

Il lavoro stagionale costituisce un’importante fonte di occupazione durante il periodo estivo e rappresenta un importante motore economico per l’Occitania.

L’Occitania è la 3a regione francese per l’impiego di lavoratori stagionali. Ciò rappresenta tra il 7% e il 10% dei posti di lavoro salariati del settore privato.

Il 28% delle posizioni sono collocate nell’alloggio e nella ristorazione, il 20% nei servizi amministrativi, il 16% nell’arte e nello spettacolo e il 10% nell’agricoltura e nella pesca.

Ma soprattutto, quasi il 20% dei lavoratori stagionali vive a più di 100 chilometri dal luogo di lavoro. Da qui la necessità di alloggi locali a canoni accessibili.

Le aziende dei settori del turismo e dell’agricoltura si trovano ad affrontare difficoltà nell’assunzione di dipendenti stagionali, legate principalmente alla carenza di alloggi, vicini al posto di lavoro e finanziariamente accessibili.

I proprietari di immobili preferiscono affittare le loro proprietà settimanalmente, in stagione, ai vacanzieri per il massimo rendimento, in particolare vicino alla costa.

Per questo motivo lo Stato e i suoi partner hanno costituito un gruppo di lavoro dedicato allo sviluppo delle offerte abitative per i lavoratori stagionali. Da questo lavoro di partenariato sono scaturite diverse proposte di offerte abitative per i lavoratori.

  • Montpellier : 8 residenze – 315 unità abitative
  • Peroli: 1 residenza – 10 alloggi
  • Doghe: 1 camera da letto
  • Béziers: 2 residenze – 160 unità abitative
  • Sète: 3 residenze – 65 alloggi
  • Mauguio: 10 appartamenti
  • La Grande Motta: 10 monolocali

Gli alloggi offerti spaziano dalle camere ai monolocali e sono tutti arredati. Sono per lo più accessibili ai giovani sotto i 30 anni e sono elencati, per dipartimento, per la maggior parte, sul sito “Mes Aides Seasonal Occitanie”.

Lo Stato ha inoltre firmato un accordo con la Regione Occitania nel 2023 per azioni volte a ridurre le tensioni di assunzione per lavori stagionali. Viene fornita assistenza alle imprese e ai lavoratori stagionali in termini di assunzione, formazione e accesso agli alloggi.

Dal Gard all’Aude, al 15 aprile restavano ancora da coprire 7.000 posti di lavoro stagionali sulla costa.

In Francia, la carenza di manodopera ammonterebbe a 200.000 posti permanenti nel settore alberghiero e della ristorazione, o addirittura a 300.000 stagionali, senza contare i 10.000 posti vacanti nei campeggi e negli hotel all’aperto. L’impiego di lavoratori stranieri è ancora possibile, ma i datori di lavoro si trovano ancora una volta di fronte al problema dell’alloggio.

-

PREV Per la Svizzera, Nemo canterà la sua natura non binaria
NEXT Quasi 600 gendarmi e agenti di polizia per la prima operazione Place Net in Côtes-d’Armor