In Senegal la distribuzione delle sementi sarà digitalizzata sotto sorveglianza militare!

In Senegal la distribuzione delle sementi sarà digitalizzata sotto sorveglianza militare!
In Senegal la distribuzione delle sementi sarà digitalizzata sotto sorveglianza militare!
-

In risposta ai rendimenti agricoli deludenti nonostante gli enormi investimenti, il Senegal sta intraprendendo un’importante trasformazione nella gestione delle risorse agricole per la campagna 2024-2025.

Il primo ministro Ousmane Sonko ha rivelato durante un incontro interministeriale a Diamniadio un cambiamento radicale nella distribuzione delle sementi: il processo sarà ora digitalizzato e posto sotto la stretta supervisione delle forze di difesa e sicurezza. Questa misura mira a massimizzare l’efficacia degli aiuti e a garantire un’equa distribuzione in tutto il Paese.

Dal 2020, il settore agricolo senegalese ha beneficiato di un ingente investimento di oltre 310 miliardi di franchi CFA. Tuttavia, i risultati attesi non sono stati raggiunti, il che ha portato a una rivalutazione critica delle strategie in atto. Il governo sta ora pianificando di rivedere i meccanismi di sovvenzione e finanziamento per garantire che le risorse siano utilizzate in modo ottimale.

Questa digitalizzazione promette non solo di migliorare la tracciabilità delle sementi distribuite, ma anche di rafforzare la trasparenza delle operazioni. Coinvolgendo le forze di difesa e di sicurezza, il governo spera di prevenire le appropriazioni indebite e gli abusi che a volte hanno caratterizzato le campagne precedenti.

Questa iniziativa potrebbe rappresentare un punto di svolta per l’agricoltura senegalese, a condizione che l’attuazione sia all’altezza delle elevate aspettative del governo e degli agricoltori locali. Il successo di questa campagna potrebbe anche servire da modello per altre nazioni che cercano di modernizzare la propria agricoltura.


#Senegal

-

PREV Villeneuve-sur-Lot. “Au jardin gourmand”, la creperie gourmet di Sarah e Martin
NEXT Summit degli studenti 2023: il resto