La giustizia sospende l’autorizzazione alla macellazione notturna dei cani nell’Aveyron

La giustizia sospende l’autorizzazione alla macellazione notturna dei cani nell’Aveyron
La giustizia sospende l’autorizzazione alla macellazione notturna dei cani nell’Aveyron
-

l’essenziale
Il tribunale amministrativo di Tolosa ha deciso, martedì 7 maggio, di sospendere il decreto prefettizio dell’Aveyron che autorizzava temporaneamente la macellazione dei cani Saarloos, razza vicina al lupo, per proteggere gli allevamenti.

Due richieste di sospensione provvisoria sono state presentate alla fine di aprile dalla Società nazionale per la difesa degli animali e dall’associazione Stéphane Lamart, contro un’ordinanza del prefetto di Rodez. Quest’ultima prevedeva che, dal 10 aprile al 10 maggio, tutti i cani “randagi, erranti o dispettosi” che si avvicinassero alle mandrie di La Couvertoirade, L’Hospitalet-du-Larzac, Nant, Sainte-Eulalie-de-Cernon e Saint -Jean- et-Saint-Paul può essere macellato di notte, tra le 20:00 e le 8:00.

Tredici attacchi di gregge da gennaio

Il motivo: in questa zona del Larzac, dall’inizio dell’anno tredici attacchi di greggi contro sette aziende agricole hanno provocato la morte di 53 pecore. Martedì mattina, Me Patrice Grillon, avvocato delle associazioni, ha smontato punto per punto le motivazioni del prefetto, altrimenti assente ma rappresentato, davanti al presidente del tribunale amministrativo di Tolosa.

“Ha preso questo decreto per cercare di calmare una situazione un po’ tesa a livello locale”, ha sintetizzato, denunciando “l’eccesso del decreto”. “È l’unico dipartimento in Francia che fa questa scelta da decenni. Siamo di fronte a un decreto specifico”.

Anche se l’udienza si svolge solo quattro giorni prima della scadenza del decreto, «sono quattro giorni in cui questa esecuzione è possibile». La presenza di un cane lupo di Saarloos particolarmente violento aveva portato a questa reazione da parte della prefettura. “Ci viene detto di un lupo e il decreto parla di cani”, ha continuato l’avvocato del foro di Parigi.

“L’eutanasia con armi da fuoco è un crimine”

Secondo la sua dimostrazione esiste un “quadro normativo rigoroso”. “La cattura di un animale è un prerequisito per qualsiasi eutanasia di un animale con una pistola, nelle campagne francesi, oggi è un reato”.

Anche i rappresentanti del prefetto hanno fatto valere le loro argomentazioni. “Non si tratta di uccidere tutti i cani randagi. Il bersaglio è un cane Saarloos. Questo cane non è stato più visto. L’ordine potrebbe aver spinto il conduttore a raccoglierlo.”

Martedì il presidente del tribunale amministrativo si è quindi pronunciato d’urgenza. “Era d’accordo con noi al 1.000%”, osserva Me Grillon “È un’azione che avremmo potuto evitare viste le stravaganze legali”.

#French

-

PREV Marocco: perdite subite a seguito del taglio del gas algerino destinato alla Spagna
NEXT Gabriel Nadeau-Dubois ha i suoi quadrati rossi