Due donne francofone processate per aver considerato un attacco contro l’ONU – rts.ch

-

Martedì è iniziato presso il Tribunale penale federale il processo contro due sorelle accusate di aver pianificato un attentato contro l’ONU. Una di loro è la madre di un giovane condannato per aver voluto difendere la causa jihadista in Siria quando era minorenne. Entrambi contestano i fatti.

Dopo il figlio, tocca alla madre e alla zia affrontare la giustizia per aver sostenuto l’organizzazione dello Stato islamico. “Questo jihad familiare ha un carattere un po’ insolito”, osserva Géraldine Casutt, ricercatrice associata presso il Centro svizzero per l’Islam e la società dell’Università di Friburgo, a La Matinale.

Le due sorelle, cinquantenni, vivono nel cantone di Vaud e saranno giudicate il 7 maggio dal Tribunale penale federale di Bellinzona.

Secondo l’accusa, che riassume i fatti imputati agli imputati, la madre e suo figlio, allora sedicenne, tentarono per la prima volta, nel novembre 2014, di unirsi all’organizzazione dello Stato islamico in Siria.

Prima della partenza, il figlio prese contatto con degli jihadisti i cui numeri gli furono forniti da un altro viaggiatore jihadista, un ginevrino che qualche anno dopo sarebbe stato condannato dalla giustizia svizzera. Nonostante i consigli ricevuti, madre e figlio non riescono ad attraversare il confine tra Turchia e Siria e tornare in Svizzera.

>> Dettagli da Fabiano Citroni alle 12:45:

Il racconto d’aula con Fabiano Citroni che segue il processo alle due sorelle a Bellinzona / 12:45 / 1 min. / oggi alle 12:45

Accusato di spionaggio

Questo è solo un rinvio. Nel febbraio 2015, meno di un mese dopo gli attacchi jihadisti contro Charlie Hebdo e Hyper Casher a Parigi, la madre, il figlio e la zia sono riusciti a unirsi alle fila dell’Isis in Siria.

Appena arrivano vengono separati. Le donne da una parte, il giovane dall’altra. Ma dopo tre giorni hanno chiesto di tornare in Svizzera.

“Sono stati poi accusati di spionaggio, tenuti sotto inchiesta e interrogati da membri dell’organizzazione Stato islamico per una ventina di giorni”, scrive il procuratore federale Andreas Müller nel suo atto d’accusa.

La famiglia è stata trattenuta in Siria per un mese prima di essere rilasciata. È tornata in Svizzera alla fine di marzo 2015.

>> Le questioni del processo decifrate su La Matinale:

Due romani saranno giudicati per aver pianificato un attentato contro l’ONU (video) / La Matinale / 4 min. / 30 aprile 2024

“Volevano far saltare in aria l’ONU”

Nel suo atto d’accusa, il procuratore federale scrive che durante il loro soggiorno in Siria, la madre e la zia hanno dichiarato che stavano pianificando un attentato contro le Nazioni Unite a Ginevra, ma anche che erano venute in Siria per imparare a costruire una bomba con il scopo di attaccare il Gay Pride, a Zurigo o a Berna.

Le due sorelle avrebbero fatto queste osservazioni davanti a una donna francese incontrata in Siria. Quest’ultima, arrestata dalle autorità francesi al suo ritorno in Francia nel 2015, ha poi affermato che gli svizzeri “avevano intenzione di far saltare qualcosa in Svizzera e prendere le armi”. […] Volevano far saltare in aria l’ONU. Ma non hanno dettagliato nulla, nessun progetto specifico. Sembravano davvero motivati ​​a compiere un attentato in Svizzera, ma non hanno fornito né modalità né data dell’operazione.”

Le due sorelle negano di aver voluto commettere qualche attentato.

Sempre nel suo atto d’accusa, il procuratore federale accusa la madre di aver finanziato il gruppo Stato islamico dopo la sua permanenza in Siria. Riporta sei pagamenti per un importo totale di quasi 6.400 franchi.

Incarcerate per circa due mesi all’inizio delle indagini penali, le due sorelle vodesi si presenteranno libere al processo. Perseguiti per aver violato la legge federale che vieta i gruppi Al-Qaeda e Stato islamico, rischiano fino a due anni di carcere. Rischia l’espulsione anche la madre, che non ha passaporto svizzero.

Contattati, gli avvocati degli imputati non hanno voluto parlare prima del processo.

>> Vedi anche il trattamento delle 19:30:

Due sorelle vodesi saranno presto processate dal Tribunale penale federale per aver pianificato un attentato contro l'ONU, a Ginevra, e il Gay Pride, a Zurigo
Due sorelle vodesi saranno presto processate dal Tribunale penale federale per aver pianificato un attentato contro l’ONU, a Ginevra, e il Gay Pride, a Zurigo / 19:30 / 2 min. / 30 aprile 2024

Fabiano Citroni – Servizio Investigativo RTS

-

PREV “Rifugi in legno, uomini, strumenti e gesti” una mostra estiva alla Maison du Parc National des Ecrins de Vallouise
NEXT Distretto 29: Marcatori D1 nel Finistère Sud domenica 26 maggio