Questi due villaggi dell’Eure pensano di fondersi per formare un unico comune

Questi due villaggi dell’Eure pensano di fondersi per formare un unico comune
Descriptive text here
-

Di Editoriale L’Impartial
pubblicato su

6 maggio 24 alle 18:26

Vedi le mie notizie
Segui L’Impartial

I Comuni di Saint-Julien-de-la-Liègue405 abitanti, e Saint-Aubin-sur-Gaillon2.212 abitanti, diventeranno uno solo nei prossimi anni?

Questi due villaggi del cantone di Gaillon (Eure) pongono le prime pietre miliari per un potenziale nuovo comune nei prossimi anni.

Con i servizi già in comune, in primo luogo, la scuola Pierre-Pirou di Saint-Aubin-sur-Gaillon dove vengono educati una cinquantina di bambini di Saint-Julien-de-la-Liègue, il condivisione della mensadel asilodi un agente di manutenzione edilizia e spazi verdiquesta è una questione a cui penseranno gli eletti dei due comuni nei mesi a venire.

Ciascuno dei sindaci, dopo essersi riuniti prima per discuterne, ha chiesto al proprio consiglio comunale, nelle ultime sessioni, se fosse d’accordo a lavorare sulla possibilità di questo raggruppamento.

Accordi di principio

A Saint-Aubin-sur-Gaillon, il sindaco Filippo Destino ha chiesto un “accordo di principio” per proseguire lo studio di questo progetto, precisando che si schiererà con la maggioranza.

«In ogni caso in futuro ci verrà chiesto di raggrupparci con altri Comuni. Oggi abbiamo la possibilità di riunirci con un comune rurale che ha il nostro stesso ambiente di vita. Abbiamo 2.200 abitanti, con Saint-Julien passeremmo a 2.600 abitanti”

Philippe Doom, sindaco di Saint-Aubin-sur-Gaillon

Philippe Doom ha poi precisato che la popolazione sarà consultata mediante votazione dopo le riunioni pubbliche e che questa scelta sarà seguita dai funzionari eletti.

Al termine della discussione, gli eletti hanno deciso di proseguire nella direzione di questo progetto e di rispondere favorevolmente a questo primo passo. Il nuovo comune risultante da questo raggruppamento sarebbe tra i 10 più grandi dell’agglomerato Seine-Eure.

Video: attualmente su -

Verso i referendum

A Saint-Julien-de-la-Liègue, è alla fine del consiglio che il sindaco Alain Thierry, – chiesero i suoi eletti girando attorno al tavolo. Tutti hanno potuto esprimersi sui vantaggi, sugli svantaggi e sollevare domande.

Per i funzionari eletti, l’accessibilità a più servizi, in particolare per la manutenzione del comune, e lo sviluppo degli uffici comunali esistenti costituirebbero una grande risorsa, così come la realizzazione di progetti sanitari comuni data la vicinanza dei due comuni di Malassis. . Prima del raggruppamento dovranno essere discussi l’organizzazione, il numero dei rispettivi eletti, l’aliquota fiscale, il nome del comune.

“Se la popolazione dice no, fermiamo tutto”

Per quanto riguarda il Saint-Aubinois, il referendum tra la popolazione sarà essenziale prima di compiere un nuovo passo.

“Se la popolazione dice no, fermiamo tutto”

Alain Thierry, sindaco di Saint-Julien-de-la-Liègue

Dopo la discussione, Alain Thierry ha preso atto della decisione dell’assemblea: “Il consiglio si dichiara favorevole allo studio della proposta di Saint-Aubin-sur-Gaillon relativa al raggruppamento dei due comuni per il prossimo mandato 2026 previa consultazione dell’insieme popolazione di Saint-Julien-de-la-Liègue”.

Un primo passo è stato fatto, il prossimo passo saranno gli incontri informativi con i residenti che porteranno ad una consultazione con votazione nei due comuni nello stesso giorno, per l’adesione o meno al progetto.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Geneviève Saumier, nuova preside della Facoltà di Giurisprudenza
NEXT Questa discoteca della Mayenne riapre dopo 4 anni di chiusura