I misteriosi scheletri senza bara hanno rivelato parte dei loro segreti

I misteriosi scheletri senza bara hanno rivelato parte dei loro segreti
I misteriosi scheletri senza bara hanno rivelato parte dei loro segreti
-

Il caso aveva particolarmente incuriosito i gendarmi del settore. Alla fine dell’estate 2023, delle ossa sono state scoperte nel cimitero di Saint-Molf, nella Loira Atlantica. Finora, niente di sorprendente. Solo che la scoperta non era stata fatta in una bara ma fuori da una cripta dove anni prima era stata sepolta una coppia.

Come spiegare la presenza di questo scheletro in questo luogo? È stata aperta un’indagine e la gendarmeria ha inviato le ossa per l’analisi. Abbiamo dovuto aspettare diversi mesi per avere delle risposte. E sono altrettanto sorprendenti!

Il DNA non corrisponde

Secondo Francia occidentale, non uno, ma due corpi erano stati sepolti lì, senza che nessuno sapesse il motivo. Chi è ? Impossibile saperlo. Da quanto tempo sono qui? Senza dubbio dal 1979, data della morte e della sepoltura di Emilie Guilloux, sei anni dopo il marito.

Fu solo nel 2023, con la fine della concessione della coppia, che un becchino scoprì delle ossa. Secondo L’eco della penisolail DNA degli scheletri ritrovati non corrisponde a quello della coppia Guilloux sepolta sotto.

La domanda ora è a chi appartengono queste ossa e come sono arrivate lì. La strada più probabile sembra condurre ad un atto di negligenza da parte del responsabile dello spostamento delle salme nel cimitero. È probabile che i corpi siano stati spostati dopo la scadenza della concessione e collocati nel caveau. Bisogna aspettare diverse settimane o addirittura mesi prima di reinstallare una lastra, finché la terra non si assesta, specifica L’eco della penisola.

Una volta concluse le indagini, le ossa furono consegnate al comune di Saint-Molf, che le depose nella fossa comune. Dove, senza dubbio, avrebbero dovuto essere collocati quarantacinque anni fa.

#French

-

PREV Immagini impressionanti delle inondazioni in Mosella
NEXT A cinquanta e cinquanta anni dalla morte, l’omaggio di Cajarc a Georges Pompidou