L’Ospedale di Friburgo vuole sviluppare i suoi servizi

L’Ospedale di Friburgo vuole sviluppare i suoi servizi
L’Ospedale di Friburgo vuole sviluppare i suoi servizi
-

Queste linee guida fanno parte, tra l’altro, del piano operativo 2024-27 presentato questo lunedì. “Questo nuovo piano è la continuazione di quello del 2020-23, con l’obiettivo di sviluppare i servizi e costruire un nuovo centro ospedaliero entro il 2035”, indica l’HFR in un comunicato stampa al termine di una conferenza stampa a Villars-sur-. Glâne.

L’evoluzione dei servizi resta al centro del progetto per i prossimi quattro anni. Oltre allo sviluppo dell’urologia, il consiglio di amministrazione dell’HFR prevede di reinternalizzare la gastroenterologia e rafforzare l’efficienza, attraverso una migliore separazione dei flussi stazionari e ambulatoriali, con spazi dedicati per ciascuno.

Voto cruciale

L’invecchiamento della popolazione richiede anche un adeguamento delle infrastrutture, aumentando i posti letto in geriatria e nella riabilitazione geriatrica. Implica anche l’adeguamento delle infrastrutture fisse e di emergenza. Nel piano si cita anche la creazione di un team infermieristico mobile e il miglioramento della gestione delle emergenze non vitali in collaborazione con medici affermati.

Per sviluppare il settore ambulatoriale nelle regioni, il sito di Tavel dovrebbe ospitare il prossimo centro sanitario. Quello di Meyriez-Morat dovrà seguire e il progetto di ampliamento del sito di Riaz.

Questi progetti vedranno la luce a condizione che gli investimenti previsti nel decreto sottoposto al voto cantonale il 9 giugno siano accettati, ricordano le autorità e l’HFR, che parlano di un “voto cruciale”.

Meno lavoro amministrativo

Sarà inoltre necessario far fronte alla carenza di personale specializzato. Ciò comporterà in particolare “l’ottimizzazione della composizione delle équipe mediche”. Tra i progetti informatici, l’Ospedale di Friburgo vuole mettere a punto gli strumenti che consentano “l’inserimento strutturato dei dati dei pazienti e una significativa riduzione del lavoro amministrativo per il personale”.

La sfida finanziaria non è da meno. L’obiettivo è raggiungere il pareggio dei conti entro il 2026. Verranno intensificati i lavori sul controllo dei costi. “Si tratta, ad esempio, di continuare a migliorare la durata media di permanenza (DMS) su tutti i siti nonché la fatturazione dei servizi”, precisa in particolare il comunicato stampa.

Il direttore cantonale della sanità e degli affari sociali Philippe Demierre ha ricordato l’importanza della Strategia 2030 dell’HFR (di cui questo piano fa parte) per la qualità dell’assistenza fornita alla popolazione. Ha elogiato il lavoro di rete tra i quattro siti HFR e i loro partner (medici affermati, reti sanitarie, leghe sanitarie, università, ecc.) svolto nell’ambito del piano 2020-23, per il quale è stata espressa una valutazione positiva.

-

PREV La pasta madre e il pane biologico di Guillaume Vienne si trovano nei mercati
NEXT Decubito mortale a Saint-Jérôme: l’ospedale attua misure correttive