Operazioni “XXL clean space”: 60 arresti negli ultimi 15 giorni nel Gard, secondo la procura

Operazioni “XXL clean space”: 60 arresti negli ultimi 15 giorni nel Gard, secondo la procura
Operazioni “XXL clean space”: 60 arresti negli ultimi 15 giorni nel Gard, secondo la procura
-

Ospite questo lunedì di France Bleu Gard Lozère, Cécile Gensac, procuratrice di Nîmes, è tornata sulla lotta contro il traffico di droga nel dipartimento, in un momento in cui le autorità aumentano la pressione sugli spacciatori.

Si tratta di una cifra che la dice lunga sulla portata del traffico e del consumo di droga nel Gard: 40.000 euro. Questo è l’importo che il punto vendita della Galleria Wagner ricaverebbe in media al giorno., a Pissevin, secondo una nota degli agenti di polizia di Nîmes incaricati della lotta al narcotraffico. Un documento che i nostri colleghi dell’Objectif Gard e del parigino hanno potuto consultare. “Se delinquenti e criminali dichiarassero di pagare l’Iva, avremmo cifre più precise. Questa è una stimaspiega questo lunedì su France Bleu Gard Lozère Cécile Gensac, procuratore della Repubblica di Nîmes. Per arrivare a questi dati, siamo interessati all’organizzazione del traffico. Teniamo conto anche del compenso dichiarato dagli spacciatori, al momento dell’arresto, a seconda delle posizioni che occupano.”

Giovani, “troppo giovani”

Questa somma – se dà “dare le vertigini”, come afferma Cécile Gesac – sottolinea l’ultraprofessionalizzazione dei narcotrafficanti. A Pissevin questi ultimi impiegano decine di “agenti di sicurezza”. “Choufs”, come vengono soprannominati. Spesso sono giovani, a volte minorenni. “Alcuni hanno appena 13 anni”, soffoca il pubblico ministero. Questi piccoli trafficanti vengono reclutati sempre più spesso attraverso i social network. “Stanno infatti rispondendo alle offerte di lavoro Si può quasi parlare di contratti a tempo determinatodice Cécile Gensac. Accettano di venire per missioni della durata di alcune settimane, a volte solo di pochi giorni. E vengono da tutta la Francia: Lille, Béziers, Bordeaux, ecc.”

Operazioni di “sgombero”, arresti XXL

Per smantellare queste reti, il Ministro dell’Interno ha lanciato l’operazione “XXL netsquares”. È vasti raid della polizia, guidata dal prefetto del Gardtalvolta in associazione con la Procura di Nîmes. “Queste ondate di arresti hanno permesso di ammanettare una sessantina di persone negli ultimi 15 giornisecondo Cécile Gensac. Stiamo destabilizzando a tal punto le reti che i concessionari hanno dovuto riorganizzarsi su piccola scala. La lotta porta i suoi frutti.”ritiene l’interessato.

Per indebolire ulteriormente queste reti di droga, ha deciso di farlo anche la procura di Nîmes prendere di mira le famiglie degli spacciatori, che beneficiano dei benefici della tratta. “Qualsiasi persona che è in contatto regolare con qualcuno identificato come partecipante al traffico di droga può essere accusata di avere uno stile di vita superiore a quello consentito dalle sue risorse. E questo è un reato penalericorda. Io dico che stiamo lavorando molto per poter entrare in questo spettro di arresto di questa delinquenza.”

caricamento

#French

-

PREV Più incidenti nel Cantal, giustizia e Stato reprimono con più controlli: “Nessuna clemenza quando le conseguenze possono essere mortali”
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News