Nuovo record per Senneville in un’edizione storica della mezza maratona di Lévis

-

Una tripletta mai realizzata in questa competizione, giunta quest’anno alla sua 20esima edizione.

“Lo sto rendendo un classico. E’ un evento che mi piace molto, c’è gente che fa il tifo lungo il percorso. Cerco di inserirlo sempre nel mio calendario e tra l’altro quest’anno coincideva con il campionato provinciale di mezza maratona”, spiega il vincitore, appena trafelato pochi istanti dopo aver tagliato il traguardo.

Senza necessariamente menzionare che Lévis è diventato il suo percorso preferito, Senneville assicura che si sentirà molto a suo agio quando arriva il momento di correre sulla costa meridionale del Quebec.

“È qui che ho fatto segnare il miglior tempo della mia carriera due anni fa (1:04:56), è un percorso veloce. Penso di essere bravo a correre in discesa ed è probabilmente questo il motivo per cui ho così tanto successo.”

Questo record personale è ancora il tempo più veloce nella storia del percorso.

>>>>>>

Marc-Antoine Senneville pochi istanti dopo la sua vittoria. (Jean Carrier/Il Sole)

Un piccolo aiuto

Se la seconda parte della gara è stata più facile, la partenza ha avuto le sue difficoltà con un forte vento contrario domenica mattina. Una situazione che ha costretto i primi a sostenersi a vicenda per un po’.

“David ha suggerito ai ragazzi di alternarsi in testa al gruppo su brevi distanze di 500 metri. Ero molto felice, lo abbiamo fatto per i primi sei chilometri. Ho preso il controllo della corsa al settimo chilometro e non ho guardato indietro”, ammette l’uomo che crede di non essere ancora al massimo della sua forma a 29 anni.

Il simpatico atleta assicura che gareggerà anche l’anno prossimo per difendere il suo titolo.

>>>>>>

Édith Pépin assapora la sua vittoria tra le donne. (Jean Carrier/Il Sole)

Bella sorpresa per le donne

È stata una corridore locale a vincere la gara femminile. Édith Pépin, abituata alle gare mezzo ironman, ha trionfato nella gara femminile con il tempo di 1:20:05. Una prestazione inaspettata secondo lei.

“Sono arrivato secondo alla maratona del Quebec in ottobre e ho condotto la maggior parte della gara. Non c’era dubbio che sarei stato superato questa volta! Mi piace vincere”, spiega ridendo.

Pépin ammette di usare questa gara come preparazione per i suoi mezzi ironman.

“Abito qui vicino ed è un corso che mi piace molto. Ovviamente non mi aspettavo di vincere, ma sono molto contento del risultato.”

>>>Valérie Gaulin e suo padre Mario che tagliano insieme il traguardo per la settima volta consecutiva.>>>

Valérie Gaulin e suo padre Mario che tagliano insieme il traguardo per la settima volta consecutiva. (Jean Carrier/Il Sole)

Un duo stimolante

Ogni evento di corsa ha sempre la sua parte di grandi storie. Difficile fare meglio quest’anno di Valérie Gaulin e suo padre Mario che corrono insieme per la settima volta consecutiva. La donna, che ora vive a Montreal, desidera partecipare all’evento con suo padre.

“Mio padre è un grande sportivo ed è stato lui a introdurmi alla corsa quando ero giovane. Corriamo insieme ormai da circa dieci anni”.

Mario, che oggi ha 67 anni, ammette che le gare sono più difficili adesso rispetto a qualche anno fa.

“Non c’è dubbio che sia più difficile di prima, ma ho avuto comunque un tempo migliore rispetto allo scorso anno. Sono gli ultimi chilometri quelli più difficili”.

Il duo sembra apprezzare davvero questa tradizione di famiglia.

“Non è un percorso troppo difficile e motiva ognuno di noi a fare il proprio allenamento per prepararsi alla gara. Ci piace fare altre attività insieme come il ciclismo, ma è sempre speciale partecipare a questa gara. L’obiettivo è farlo di nuovo l’anno prossimo finché non saremo più in grado di farlo”, concludono con un sorriso il padre e la figlia.

Logistica facile

Con questo nuovo record di presenze di 7.300 corridori per l’intero evento, gli organizzatori sembravano felici di aver organizzato l’evento su due giorni quest’anno. Sarebbe sorprendente se questo modo di operare non diventasse la norma nel futuro della mezza maratona, soprattutto considerando il numero di partecipanti che sembra aumentare ogni anno.

-

PREV Il Canada denuncia l’ingerenza cinese
NEXT Napoli, incursione nella terra dei milionari