TGB: una triste conclusione al termine di una grande avventura per i Tarbaises dopo la sconfitta in semifinale contro il Basket Landes

TGB: una triste conclusione al termine di una grande avventura per i Tarbaises dopo la sconfitta in semifinale contro il Basket Landes
TGB: una triste conclusione al termine di una grande avventura per i Tarbaises dopo la sconfitta in semifinale contro il Basket Landes
-

l’essenziale
Battuti al Basket Landes per 11 punti, i Tarbaise non vedranno una nuova finale dopo quella del 2018. Il loro cammino si conclude a metà ma il cammino fino ad allora sarà stato glorioso.

“Ecco, è finita…” Bicchiere di champagne in mano, sorriso sulle labbra, l’allenatore François Gomez, canticchiando la famosa titolata di Jean-Louis Aubert, ha messo fine alla grande stagione del TGB. Ma a differenza delle parole della canzone, i Tarbaise hanno tirato tutti nella stessa direzione, domenica nelle Landes, per raggiungere un obiettivo inaspettato a inizio stagione. Ma in una partita decisiva in cui si trattava di difendere i cinque punti in anticipo acquisiti, giovedì sera, al Quai de l’Adour (67-62), tutto il valore dei Bigourdanes non è bastato.

Ed è ancora più un peccato per il TGB che le ragazze di François Gomez abbiano mantenuto la qualificazione per più di tre quarti, fino a quando un canestro da tre punti di Angela Salvadores a sei minuti da 17 secondi dalla fine della partita ha regalato i sei punti alle Landaises in anticipo (54-48). E la risposta dalla distanza di Camille Droguet alla fine sarà solo un piccolo segnale, visto che le sue compagne di squadra segneranno solo tre punti negli ultimi cinque minuti della partita. I cinque minuti più importanti della stagione.

Uno scenario che spiega i rimpianti, la delusione e la tristezza visibili sui volti dei Tarbaise al fischio finale perché avranno fatto di più che competere con i vicini del Basket Landes. Avranno fatto tremare i Landaises e il loro pubblico. In una partita senza abilità, i locali segnano per primi grazie a Peterson ma le due squadre si danno battaglia nel primo quarto chiudendo i primi dieci minuti consecutivi (14-14). Uno scenario che proseguirà nei primi possessi del secondo quarto prima che i Bigourdanes infliggano un 18-4 all’avversario nell’arco di 6 minuti. Kessler, Leite, Pokk, Foppossi quasi tutti i Tarbaise segneranno portandosi in vantaggio (24-34, 19°).

Un vantaggio di dieci punti che avrebbe potuto essere ancora più significativo se gli ospiti fossero riusciti a realizzare gli ultimi possessi del primo tempo. Ma per due volte Pokk perderà l’occasione di mettere i Landaise sott’acqua.

Salvadores, ancora lei

Con dieci punti di vantaggio al rientro dagli spogliatoi, sommati ai cinque dell’andata, la messa non sembrava lontana dal essere detta in una partita dove il minimo canestro richiedeva uno sforzo enorme. Ma il parziale di 12-0 dei Landaise fuori dallo spogliatoio (leggi sotto) rimescolerà le carte. Perché se i giocatori di Julie Barennes tornassero in vantaggio nel terzo quarto, le due squadre si ritroverebbero in parità, ancora una volta, prima di iniziare gli ultimi dieci minuti di questo doppio confronto (45-45).

Sicuramente stremati da una lunga stagione e da tempi di gioco prolungati, i Violets si piegheranno all’assalto dei compagni di Djaldi-Tabdi spinti da un pubblico surriscaldato che aspettava solo di lasciarsi andare. E lo farà sul famoso canestro spagnolo dove i 2.500 tifosi della BL si sono schierati come un sol uomo. Dopo aver regalato la vittoria ai Landaises nella Coupe de France con un tiro dalla distanza, Salvadores offrirà la seconda finale consecutiva del campionato francese al Basket Landes segnando gli ultimi 5 punti della sua squadra compreso un canestro di vantaggio da tre punti. a 10 punti (63-53, 38°).

Alla fine i Tarbaise hanno interrotto il loro cammino alla semifinale, certo con rimpianti visto l’aspetto del doppio confronto, ma con un’avventura che pochi immaginavano all’inizio del campionato lo scorso settembre. “Hai ottenuto quello che volevi, anche se non volevi quello che avevi”, potrebbe riassumere il rocker francese.

Basket lande 65 – Tarbes 54

QT: 14-14, 10-20, 21-11, 20-9
Arbitri: Amel Dahra, Véronik Voyeau e Sarah Breuil.
BASKET LANDES: 24 tiri riusciti su 69 (di cui 4/19 da tre); 13 tiri liberi realizzati su 16; 48 rimbalzi; 18 assist; 15 proiettili persi; 7 intercettazioni; 3 blocchi; 13 falli personali.
Punti: Peterson (17), Djaldi-Tabdi (cap, 6), Geiselsoder (12), Salvadores (10), Chery (8), poi, Fuehring (2), Pardon (4), Ewodo (4), Macquet ( 0), Bussière (2).
TARBES-GESPE-BIGORRE: 16 tiri riusciti su 61 (di cui 6/25 da tre); 16 tiri liberi realizzati su 18; 44 rimbalzi; 12 assist; 21 proiettili persi; 10 intercettazioni; 1 contro; 21 falli personali.
Punti: Leite (17), Foppossi (11), Kessler (10), Droguet (7), Malonga (6), poi, Fora (0), Monasse (-), Bobst (-), Zodia (0), Pokk (3), Velleyen (-).

-

PREV “Ho visto cose che non dimenticherò mai”
NEXT due auto di lusso sequestrate dopo un controllo a 207 km/h