Precedente mondiale: frasi choc sui filtri delle sigarette in Canada

Precedente mondiale: frasi choc sui filtri delle sigarette in Canada
Descriptive text here
-

Da martedì i produttori di tabacco devono garantire che sul filtro di ogni sigaretta “king size” (grande formato) sia stampata direttamente un’avvertenza. Misura dissuasiva o spada nell’acqua?

Il Canada questa settimana è diventato il primo paese al mondo a richiedere che avvisi come “Le sigarette danneggiano i tuoi organi” o “Le sigarette causano il cancro” appaiano su ogni sigaretta a grandezza naturale.

“Questo è un precedente mondiale e ridurrà il fumo. Prende di mira i fumatori con ogni sigaretta, ogni boccata, ogni pausa per fumare in ogni comunità”, ha affermato Rob Cunningham, analista politico senior presso la Canadian Cancer Society.

Foto fornita da Rob Cunningham

Il tabacco è la principale causa di malattie e morte in Quebec e uccide 13.000 persone ogni anno.

Cunningham è convinto che le nuove misure creeranno dibattiti benefici e che i fumatori forse parleranno tra loro dei messaggi scritti sulle loro sigarette.

“Vogliamo che i fumatori discutano degli effetti dannosi delle sigarette”, ha detto.

Un regolamento, diverse date

La scelta del formato “king size” non è banale. Questa è la categoria più ampia e rappresenta circa il 70% del mercato in Canada. I rivenditori hanno altri tre mesi, fino al 31 luglio, per garantire che tutte le sigarette nei loro negozi siano conformi alle nuove normative.

I produttori hanno tempo fino al 31 gennaio 2025 per applicare questa misura alle sigarette normali. I rivenditori hanno altri tre mesi per conformarsi, al più tardi entro il 30 aprile 2025.

I produttori di tabacco si opposero a questo nuovo regolamento, ma Rob Cunningham non si mosse.

“Ci sono circa 25 studi in Canada e a livello internazionale che hanno esaminato gli effetti della richiesta di avvertenze sanitarie sulle sigarette. La conclusione è che si tratta di una misura efficace”, ha sottolineato.

Un’affermazione che non è unanime

“Non credo che qualcuno fumi una sigaretta e pensi che lo sia sicuro (sicuro). Nella mia testa, non cambia nulla. Sui pacchi ci sono già le foto di persone morte. Non penso che cambi molto”, ha detto Emerye Calvez.

Un’opinione condivisa da Matteo Visentin. “Ammetto che se finisco per fumare, penso che il messaggio non lo leggo. Me la passano, accendo la sigaretta, la fumo”.

Anche Huynh Carollin, cassiera e studentessa del Collège de Maisonneuve, non crede che presterebbe attenzione al messaggio se fosse una fumatrice.

“Le immagini sulla scatola sono molto più spaventose dei messaggi sulla sigaretta. Non credo che mi distoglierebbe da nulla”.

Svapo, il prossimo obiettivo?

Alcuni ritengono che le avvertenze sulle sigarette possano scoraggiare gli adolescenti rendendole meno attraenti.

Mélanie Hamel, funzionaria pubblica intervistata sull’argomento, ritiene che la prevenzione non farà alcun male, ma ritiene che si debba affrontare anche un altro fenomeno.

“Da quello che so, preferiscono lo svapo e ci mettono dentro tutti i tipi di sostanze.”

Rob Cunningham, specialista politico presso la Canadian Cancer Society, è consapevole che lo svapo tra gli adolescenti in Quebec deve essere controllato meglio.

“Sì, abbiamo molti adolescenti che svapano. Health Canada ha l’autorità di regolamentazione per inserire avvertenze direttamente sulle sigarette elettroniche. Non è ancora finito. Health Canada non è pronta a farlo, ma potrebbe essere fatto in futuro”, ha spiegato.

-

PREV Questo villaggio bretone ti conquisterà sorprendentemente! Un’affascinante cittadina del Finistère da visitare se vi trovate vicino a Brest
NEXT la Mosella è in allerta rossa per il rischio di “inondazioni eccezionali” dei fiumi Nieds