Nell’Isère, l’operazione “Benvenuti nelle nostre fattorie” attira le persone

-

Sei interessato a visitare una fattoria, i suoi animali e scoprire il saper fare degli agricoltori? Sappiate che questo fine settimana del 4 e 5 maggio è possibile in Isère! L’operazione viene chiamata “Benvenuti nelle nostre fattorie” e permette a tutti i curiosi di passeggiare per una fattoria. Come a Cognin-les-Gorges, dove Sébastien Rodet apre le porte della sua azienda agricola per il secondo anno consecutivo.

Le capre attirano molte persone ©Radio Francia
Nourhane Mahmoudi

un’occasione da non perdere

caricamento

Nella fattoria di famiglia, Sébastien Rodet alleva vitelli, buoi, capre e maiali. Produce anche formaggio caprino. Questo fine settimana a porte aperte, non se lo sarebbe perso per nulla al mondo. “Sono tre mesi che ci prepariamo, è un’occasione da non perdere” spiega il contadino.

Per lui, mostrare il suo lavoro per il pubblico è molto importante. “Voglio che la gente veda che il nostro lavoro è serio. Non utilizziamo farine animali, per noi è importante che il pubblico lo sappia. Dobbiamo dimostrare le nostre credenziali e siamo lieti di poterlo fare” lui continua.

Gli animali stanno riposando ©Radio Francia
Nourhane Mahmoudi

Una bella giornata per grandi e piccini

caricamento

La fattoria di Sébastien Rodet ha molto successo, sia grazie agli animali che al barbecue! Louane, 10 anni, è molto legata alle capre. Dietro i suoi occhialini blu osserva gli animali con il sorriso sulle labbra. “Ho visto bambini, mucche! Abbiamo fatto anche una caccia al tesoro!” esulta la bambina.

Céline è venuta con i suoi quattro figli. “Abbiamo mostrato loro le mucche con un vitellino. Viviamo a Grenoble e ci permette anche di uscire, vedere la campagna e il verde“, confida contentissima.

Gli open day continuano anche questa domenica, 5 maggio, dalle 10:00 alle 18:00.

#French

-

PREV SENEGAL-FOOTBALL-ORGANE / La FSF vuole creare un tribunale arbitrale sportivo senegalese (ufficiale) – Agenzia di stampa senegalese
NEXT “Ne vale la pena”: la vita quotidiana di un’équipe mobile di cure palliative nel Sud della Gironda