Macron condanna “con la massima fermezza” le azioni dei manifestanti filo-palestinesi

Macron condanna “con la massima fermezza” le azioni dei manifestanti filo-palestinesi
Macron condanna “con la massima fermezza” le azioni dei manifestanti filo-palestinesi
-

Il Presidente della Repubblica ha condannato, questo sabato, 4 maggio, il moltiplicarsi dei blocchi delle università come Sciences Po, da parte dei manifestanti filo-palestinesi.

Emmanuel Macron condanna “con la massima fermezza” i blocchi dei manifestanti filo-palestinesi a Sciences Po e nelle università, azioni che “impediscono il dibattito”, giudica in un’intervista a La Provence e La Tribune di domenica pubblicata sabato 4 maggio.

“Capisco benissimo che quanto sta accadendo oggi, soprattutto a Gaza, è sconvolgente – anche la Francia chiede un cessate il fuoco immediato – ma impedire il dibattito non ha mai aiutato a risolvere un conflitto”, sottolinea il Capo dello Stato.

Emmanuel Macron trova “del tutto legittimo e persino sano e rassicurante che i nostri giovani possano dire che le notizie internazionali li toccano e che ne discutono”, ma “ordinare a un establishment di avere questa o quella politica con la forza e il blocco, impedendo ad altri studenti di accedere ad un anfiteatro con il pretesto di essere ebrei, questa non è la Repubblica”, insiste.

Il presidente è quindi “favorevole” all’evacuazione da parte della polizia delle università bloccate “su richiesta delle istituzioni”.

Il pregiudizio: Sciences Po… dopo la mobilitazione, tempo di dibattito – 02/05

“Impediscono il dibattito”

Secondo lui, gli studenti che bloccano gli stabilimenti sono “politicizzati”. Alcuni gruppi, come La France insoumise, hanno ritenuto che questo fosse un modo pertinente per condurre la lotta. È semplicemente controproducente e inaccettabile che, in nome delle loro lotte, essi prevenire il dibattito”, dice.

La polizia ha evacuato venerdì gli attivisti filo-palestinesi da Sciences Po Paris, ponendo rapidamente fine all’occupazione del prestigioso locale.

Negli ultimi giorni si sono verificati diversi assembramenti e blocchi nei siti di Sciences Po e nelle università, che in alcuni casi hanno portato all’intervento della polizia, facendo eco a una mobilitazione in corso in diversi campus degli Stati Uniti.

-

PREV Turismo: la grande manna del mese di maggio con i suoi giorni festivi e le vacanze scolastiche
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News