Crisi di Solidarnosc Quebec: si dimettono due stretti collaboratori di Gabriel Nadeau-Dubois

Crisi di Solidarnosc Quebec: si dimettono due stretti collaboratori di Gabriel Nadeau-Dubois
Crisi di Solidarnosc Quebec: si dimettono due stretti collaboratori di Gabriel Nadeau-Dubois
-

Due stretti collaboratori di Gabriel Nadeau-Dubois, tra cui il direttore della comunicazione, hanno anche annunciato che lasceranno venerdì il gruppo Québec solidaire in seguito alle dimissioni, lunedì, della co-portavoce, Émilise Lessard Therrien.

• Leggi anche: Gabriel Nadeau-Dubois ritiene che QS non sia abbastanza “presentabile”, afferma Richard Martineau

• Leggi anche: Christine Labrie diventa co-portavoce ad interim di Québec solidaire

• Leggi anche: La GND sta cercando la strada per diventare primo ministro, ritiene Pascal Bérubé

“È giunto il momento di cedere il mio posto a qualcuno che abbia l’energia necessaria”, ha dichiarato la coordinatrice della comunicazione dell’Ufficio nazionale di formazione politica, Gabrielle Brais-Harvey, in un lungo messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook.


TVA Nouvelles ha anche ottenuto la conferma delle dimissioni della responsabile della piattaforma di mobilitazione Québec solidaire, Keena Grégoire.

L’annuncio arriva quando la co-portavoce ha rassegnato le sue dimissioni in una lettera pubblicata lunedì su Facebook.

  • Ascoltate l’intervista a Monsef Derraji, deputato di Nelligan per il Partito Liberale, in cui commenta la crisi che QS sta attraversando attraverso QUB :

Émilise Lessard-Therrien si è detta “completamente esausta” quattro mesi dopo la sua elezione a co-portavoce.

Il deputato della solidarietà ha sollevato uno scontro tra “le diverse visioni” che animano il partito sovranista di sinistra.

Da allora, Christine Labrie ha assunto il ruolo di co-portavoce femminile ad interim.

Le dimissioni della Lessard-Therrien avevano suscitato numerose reazioni anche nella classe politica.

Gabriel Nadeau-Dubois, il primo preso di mira da questo evento, ha detto di “dispiacersi” di “non averlo previsto”.

In risposta a questa crisi, il co-portavoce ha fatto numerose uscite pubbliche per riaffermare le intenzioni del partito che rappresenta.

Ha menzionato, tra l’altro, la sua intenzione di fare del Québec solidaire “un partito di governo”.

-

PREV Risorsa per i senzatetto: convivenza difficile nella Vecchia Lévis
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News