Nessun diritto fondamentale alla casa, dice Legault

Nessun diritto fondamentale alla casa, dice Legault
Nessun diritto fondamentale alla casa, dice Legault
-

Anche se l’abitazione è “essenziale”, non è un diritto fondamentale, ha suggerito giovedì il primo ministro François Legault.

Nel pieno della crisi immobiliare, il Québec solidaire (QS) ha cercato di verificare se il governo CAQ fosse pronto a riconoscere l’abitazione come diritto individuale, come raccomandato da un’organizzazione federale.

La scorsa settimana, la stampa canadese ha inviato una richiesta in tal senso all’ufficio del ministro dell’Edilizia, ma inavvertitamente un addetto stampa ha inviato in risposta un’e-mail interna in cui l’ufficio si chiedeva come non rispondere alla domanda.

Il leader parlamentare del Québec solidaire (QS), Gabriel Nadeau-Dubois, è tornato alla carica giovedì per avere una risposta chiara.

“Abbiamo il diritto di sapere cosa pensa il Primo Ministro su questa questione fondamentale”, ha detto. Secondo il Primo Ministro, in Quebec l’abitazione è un diritto sì o no? »

“Ovviamente è essenziale che qualcuno abbia un alloggio”, ha risposto il leader del CAQ, elogiando gli investimenti del suo governo di 6,3 miliardi di dollari per costruire alloggi.

Ma sostiene che l’attuale flusso di nuovi arrivi in ​​Quebec, ad un ritmo compreso tra 5.000 e 10.000 al mese, è insostenibile: è impossibile costruire abbastanza condomini.

“Che si faccia una legge o no, come possiamo costruire alloggi così velocemente? […], con 560.000 immigrati temporanei? »

Il leader parlamentare di QS ha rilanciato Legault chiedendogli se fosse “disponibile a riconoscere” il diritto alla casa, ma senza risultato.

“Non inizieremo una gara tra me e il capo del Québec solidaire per sapere chi ha i valori migliori”, ha detto il capo del governo.

Una email imbarazzante

Ricordiamo che venerdì scorso il gabinetto del ministro France-Élaine Duranceau ha suscitato polemiche cercando di eludere la questione del diritto alla casa.

Lo scorso febbraio, l’Ufficio del Federal Housing Defender ha esortato ciascuna provincia a riconoscere per legge “il diritto dell’individuo ad un alloggio adeguato come definito dal diritto internazionale”.

La stampa canadese ha chiesto a ciascuna provincia, compreso il Quebec, se concordano con la tesi secondo cui l’abitazione costituisce un diritto umano e se intendono adottare una legge che garantisca questo diritto.

La stampa canadese ha poi ricevuto un’e-mail probabilmente destinata a un altro membro del gabinetto: “Rilancio. IO fantasma ancora ? Altrimenti, una risposta generale che non risponde dicendo che l’edilizia abitativa è una priorità per il nostro governo? »

“La risposta dell’ufficio del ministro è ormai famosa”, non ha potuto fare a meno di ironizzare giovedì Nadeau-Dubois.

“Ma vorrei avere una risposta specifica che risponda e non una risposta generale che non risponda”, ha proseguito.

La Duranceau ha già affrontato la sua dose di controversie, da quando è stata incaricata di riformare le norme sulla protezione degli inquilini e la costruzione di alloggi sociali. Provenendo dal mondo degli intermediari immobiliari, ha ridotto le possibilità di cessione dei contratti di locazione e le sue dichiarazioni potrebbero essere interpretate come una mancanza di sensibilità nei confronti degli inquilini.

Attualmente solo l’Isola del Principe Edoardo può vantarsi di aver sancito il diritto alla casa.

La prima riga del Residential Tenancies Act riconosce che il Canada ha firmato un trattato delle Nazioni Unite che afferma che l’alloggio è un diritto umano, anche se i critici sottolineano che non c’è nulla nella legge provinciale che supporti questo diritto da allora in poi.

La maggior parte delle province non ha risposto direttamente alle domande e ha invece fornito un lungo elenco di iniziative lanciate per affrontare la crisi abitativa.

Manitoba ha risposto che il governo ha riconosciuto “l’approccio del Canada all’edilizia abitativa basato sui diritti”, e Terranova e Labrador hanno indicato di essere d’accordo con le leggi federali e internazionali che riconoscono l’alloggio come diritto individuale.

Da vedere in video

-

PREV Traffico passeggeri record su rotaia all’inizio del 2024, merci a mezz’asta
NEXT Sui tuoi stivali! Incontro con un orticoltore al Moulin de Crève Cœur Ferme du Moulin de Crève Cœur Soissons venerdì 31 maggio 2024