“Una vendetta per tutto quello che ho passato.” Perché questo studente liceale di 17 anni salirà i gradini del Festival di Cannes

-

l’essenziale
A soli 17 anni, Céleste, studentessa liceale di Albi, salirà la scalinata del prossimo festival di Cannes. La storia è come un sogno a occhi aperti. Eppure tutto cominciò con un incubo.

Tutto è iniziato con un grosso problema di salute. A soli 17 anni, Céleste Bousquet, studentessa del liceo di Albi, scoprì di non avere più muscoli nella mano destra. Dopo numerosi test, il risultato è chiaro. Una delle sue costole è problematica. Devi rimuoverne tre quarti. Non potrà mai più praticare la danza, la sua passione.

L’operazione si svolgerà nel mese di febbraio. È tanto doloroso fisicamente quanto mentalmente estenuante. Celeste non può più né ridere né piangere. Tutto gli costa, compreso respirare. Tutto quello che riesce a fare in ospedale è ascoltare a ripetizione la canzone “Intro” del rapper Josman. Un artista che la ispira e risuona dentro di lei.

“È stato un vero sostegno in un periodo in cui non mi sentivo più viva. Mi ha accompagnato e mi ha sollevato, semplicemente mi ha aiutato con il suo testo toccante”, spiega Céleste.

Il disagio di un giovane cambiato

È per testimoniare questa esperienza che decide di partecipare al concorso.MotorePresieduto dall’attore Jonathan Cohen, il concorso premia i giovani dai 14 ai 22 anni, che devono realizzare un video di 1 minuto e 30 su una persona che li ispira.

“Quando sono tornata dall’ospedale, mi sono chiusa nella mia stanza ascoltando “Intro” a ripetizione, poi per due ore ho scritto il testo che avrebbe illustrato il mio video”, continua Céleste. Dopo 5 giorni di registrazione, scrittura e montaggio, la giovane invia la sua creazione alla giuria.

Il risultato toccante descrive la furia di vita dell’adolescente, la cui voce trasmette tutta l’angoscia di una giovinezza stravolta. “Voglio riscoprire le gioie di una vita in cui la monotonia non ha danneggiato le mie articolazioni”, canta, appoggiando la sua voce sugli accordi di pianoforte del rapper.

“La prima medicazione per la mia cicatrice”

Un video “sincero” che ha commosso la giuria poiché era uno dei 25 vincitori del concorso. Oltre al premio, Céleste ha vinto anche un “Clap d’or”, che le dà l’opportunità di salire i gradini del Festival di Cannes il 23 maggio.

“Questo video è una liberazione poiché rilascio tutto il dolore che ho nel cuore. Questo premio è la vendetta per ciò che ho vissuto. Mi ricorda che la vita continua. È la prima medicazione della mia cicatrice” testimonia.

“Se ho un consiglio da dare è di osare, non abbiamo nulla da perdere, nella migliore delle ipotesi vinciamo, altrimenti torniamo sempre più forti”, assicura il liceale. Per il quale resta ancora una sfida importante. Scegli il tuo outfit per salire le scale.

-

PREV Les Grangettes sarà ricco di attività nel 2024
NEXT Durante un controllo si era scontrato con un agente di polizia, il giovane autista, già noto per traffico di droga, in tribunale