Il settimo cielo al circolo astronomico il sabato sera

-

Per gli appassionati del cielo, l’associazione di astronomia apre le sue porte il sabato sera all’osservatorio della fattoria di Réaux. Un’immersione in un mondo di appassionati…

Puoi camminare sulla Luna ruotando questo quadrante“, designa Bernard, membro del circolo di astronomia della regione di Montluçon (CARM). Il tono è impostato. Ci troveremo sabato 20 aprile intorno alle 21:30 all’osservatorio della fattoria di Réaux, sulle alture di Montluçon. “Ci viene detto di cieli sereni, ma questo non è sempre affidabile“, ci ha detto al telefono Joël Mattely, presidente dell’associazione, poche ore prima.

Quella sera la notte è limpida, grazie alla Luna crescente. All’osservatorio i sei membri presenti hanno installato cinque telescopi e occhiali. “Non appena il cielo lo consente, osserviamo l’intero universo. Vale a dire i pianeti, il Sole, le galassie, le nebulose, le comete“, elenca il presidente, con la testa tra le stelle. Il CARM è stato fondato nel 1976 con il MJC. L’attuale osservatorio è stato costruito nel 2003”.Tutto è stato fatto in modo artigianale. La cupola è stata realizzata dai calderai e sono stati i soci a realizzare il telescopio che ospita“, dice Joel. Bernard, il decano della serata, ha partecipato alla realizzazione di questo piccolo gioiello in legno. Motorizzato, gli permette di adattarsi alla rotazione terrestre.

Leggi anche: Montluçon: Fiera dell’apprendistato e dello studio-lavoro ad Athanor il 3 maggio

L’astronomia è aperta al pubblico

La Luna osservata con il telescopio a cupola. (foto: Julien Ruffet)

Scopo dell’associazione è promuovere l’astronomia e la scoperta del cielo, diurno e notturno”definisce il presidente. “Noi puntiamo alla condivisione e alla trasmissione, il club è fatto per questo”. Si tenga presente che, previo preavviso, le serate di osservazione sono aperte al pubblico. “Il vantaggio dell’astronomia è che è intergenerazionale. Abbiamo membri dai 14 anni agli oltre 70 anni. Ed è aperto a tutti i livelli“, aggiunge Joël Mattely.

Ha iniziato questa attività sette anni fa dopo alcune visite durante le notti delle stelle cadenti. Ciò che lo spinge a venire è “immersione in qualcosa che è accaduto miliardi di anni fa. Solleva molte domande esistenziali“. Nel club ognuno ha la propria specialità, Joël è appassionato della visualizzazione digitale di oggetti al di fuori del sistema solare, mentre altri sono specialisti della Luna o dell’astrofotografia…

Il CARM organizza anche eventi. “Il 15 giugno ce ne sono due: il Festival dell’Astronomia e One The Moon Again. Osserviamo il Sole durante il giorno e la Luna la sera. Il 10 agosto è la notte delle stelle. Ci sono mostre fotografiche, conferenze e osservazioni“, annuncia. Il CARM è anche affiliato all’associazione francese di astronomia che co-organizza l’evento del 10 agosto. Al club, gli assicura il presidente, non c’è bisogno di un razzo per camminare sulla Luna.

-

PREV La basilica cerca 15.000 sponsor per la sua nuova guglia
NEXT Europei: “È normale che possiamo esprimerci” dice Jordan Bardella, capolista del RN