Il Corriere del Sud | Lucille-Teasdale School: un’espansione preoccupante

Il Corriere del Sud | Lucille-Teasdale School: un’espansione preoccupante
Il Corriere del Sud | Lucille-Teasdale School: un’espansione preoccupante
-

I residenti vicino alla scuola Lucille-Teasdale a Brossard sono preoccupati per l’imminente espansione della scuola, che avverrà vicino al loro terreno.

Quando il 1° aprile il Centro Servizi Scolastici Marie-Victorin (CSSMV) ha informato i residenti vicini alla scuola media dell’inizio dei lavori che sarebbero iniziati di lì a poche settimane, Sylvie Lavigueur lo ha considerato un “brutto pesce d’aprile”.

È una dei quattro proprietari che vivono tra Rousseau Crescent e Blvd. Pelletier che si è presentato al consiglio comunale di Brossard il 16 aprile scorso con in mano una petizione che raccoglieva le firme di 16 residenti alle prese con la stessa situazione.

L’ampliamento prevede, tra l’altro, l’aggiunta di 11 aule e ospiterà 435 studenti aggiuntivi. Verrà realizzato sul lato sinistro dell’attuale facciata, al posto dell’attuale spazio verde, che i residenti di Rousseau Crescent vedono dal loro cortile. “C’è il sole, la luce. Successivamente ci saranno le finestre delle aule che punteranno verso di noi, ha detto al Posta del sud. Saremo a 30 piedi dalla scuola.

Affermando di non essere contraria all’ampliamento della scuola in sé, la signora Lavigueur ritiene che altri luoghi del sito avrebbero potuto accogliere tale ampliamento. “C’è il parco della Sorbona dietro la scuola, potrebbe essere circondato da un bosco”, suggerisce. Propone inoltre lo scenario di un secondo piano sull’edificio esistente.

Inoltre avrebbe voluto che fossero consultati i cittadini che vivono nelle vicinanze. “Ecco, è un fatto compiuto. Abbiamo fatto dei passi in avanti, abbiamo confuso tante cose, ma i progressi sono pochi”.

Ha avuto luogo un incontro con i rappresentanti della CSSMV, ma la signora Lavigueur è tornata non molto soddisfatta.
Durante la riunione del consiglio, un proprietario di casa ha anche affermato di temere l’impatto dei lavori sulla sua residenza.

La CSS Marie-Victorin ha chiesto ai proprietari di immobili vicini di fotografare le loro fondamenta, in modo da proteggerli nel caso in cui il cantiere provochi vibrazioni abbastanza forti da danneggiare la loro casa.

“Ho speso un sacco di soldi per rifare le fondamenta, più di 100.000 dollari e lì, con quello che faranno, [il pourrait y avoir des dommages]“, ha espresso.

Un altro residente ha aggiunto di essere preoccupato per il traffico che l’aggiunta degli autobus potrebbe causare.

Molti fattori

Oltre alle 11 aule, l’ampliamento della scuola consentirà lo sviluppo di 2 studi di performance, un’area dedicata alle presentazioni artistiche, oltre a 4 laboratori.

La piscina sarà ristrutturata e trasformata in un’area sportiva polivalente. All’esterno sarà allestita un’aula all’aperto e un’area allenamenti sportivi.

Il luogo prescelto “è stato scelto dopo un’analisi approfondita delle esigenze della scuola, dei vincoli spaziali e delle infrastrutture esistenti”, informa Pierre-Luc Déry, consulente per la comunicazione del CSSMV.

Sono state prese in considerazione la funzionalità della scuola, la disponibilità del terreno, la viabilità, la salvaguardia del parco e dell’area boschiva. Il progetto di espansione dovrà inoltre rispettare i requisiti del governo del Quebec.

Per quanto riguarda la possibilità di un ampliamento in altezza, “la struttura dell’edificio esistente non era progettata per accogliere un piano aggiuntivo”, spiega il signor Déry.

Assicura che siano messe in atto con l’appaltatore misure di mitigazione “per favorire la comunicazione e la convivenza tra scuola e residenti”, al fine di garantire la sicurezza di studenti e residenti, ridurre il disagio del sito e gestire il traffico.

“Dopo la costruzione dell’ampliamento, verranno piantati molti alberi per creare una zona cuscinetto tra la scuola e il quartiere”, spiega.

Richiesta conforme

Ai cittadini intervenuti in consiglio comunale, il sindaco Doreen Assaad ha spiegato che quando un proprietario, in questo caso il CSSMV, presenta un progetto, il Comune deve accettarlo se rispetta le norme, come è avvenuto con il progetto di ampliamento .

“Questa non è la prima espansione scolastica che vediamo. La Città sta crescendo, le espansioni stanno avvenendo. L’obiettivo è farlo causando il minimo fastidio”, ha affermato.

La signora Assaad e un membro del dipartimento di pianificazione della città hanno incontrato i cittadini ancora pochi giorni dopo la sessione.

Il direttore generale Guy Benedetti ha assicurato ai cittadini che fotografare le fondazioni è una “pratica comune, per proteggervi”. In caso di rottura è possibile apportare correzioni.

-

PREV Majorettes provenienti da tutta la Francia in gara questo fine settimana al Tarn
NEXT Inondazioni in Mosella: “Ho visto mamme piangere, dovevo fare qualcosa”, un contadino evacua 350 scolari intrappolati dall’innalzamento delle acque