Morte di Nahel: ricostruzione dei fatti di Nanterre questa domenica

Morte di Nahel: ricostruzione dei fatti di Nanterre questa domenica
Morte di Nahel: ricostruzione dei fatti di Nanterre questa domenica
-

Il 27 giugno Nahel è morto all’età di 17 anni, ucciso da una sparatoria della polizia a Nanterre (Hauts-de-Seine).

I principali protagonisti del caso saranno convocati domenica 5 maggio per la ricostruzione dei fatti.

Sarà presente l’agente di polizia imputato per omicidio volontario, ma anche i suoi colleghi presenti durante l’alterco, oltre ai testimoni che hanno assistito alla scena.

Segui la copertura completa

Nahel, 17 anni, ucciso dalla polizia a Nanterre dopo essersi rifiutato di obbedire

Quasi un anno dopo la morte di Nahel, le indagini continuano. I principali protagonisti del caso saranno convocati questa domenica, 5 maggio, a Nanterre (Hauts-de-Seine) per una ricostruzione dei fatti. Sarà presente l’agente di polizia imputato per omicidio volontario, ma anche i suoi colleghi presenti al momento dell’accaduto nonché i testimoni anch’essi presenti sul posto.

“Per la prima volta tutte le parti si confronteranno con la loro testimonianza sulla scena del crimine, è un momento forte”ha sottolineato all’AFP Nabil Boudi, avvocato della madre di Nahel.

Confrontare le versioni dei fatti

L’inchiesta sulla morte di Nahel, ucciso dalla sparatoria della polizia a Nanterre il 27 giugno, dovrà stabilire in particolare se l’uso dell’arma da fuoco fosse legittimo. Secondo le informazioni di TF1/LCI, l’agente che ha sparato e ucciso il ragazzo di 17 anni afferma di aver agito per legittima difesa. All’epoca dei fatti, una prima versione della polizia, secondo la quale l’adolescente si era precipitato verso il motociclista, è stata subito smentita da un video della scena, diffuso sui social network.

  • Leggi anche

    Morte di Nahel: perché è stato rilasciato l’agente di polizia responsabile della sparatoria

Questo video, ampiamente condiviso, mostrava l’agente di polizia che sparava all’adolescente a bruciapelo durante un blocco del traffico. Dopo la sua trasmissione scoppiarono diverse notti di violenti disordini e la morte del giovane diventò il simbolo del dibattito sulla violenza della polizia. In tutta la Francia, gli incendi negli edifici e nelle infrastrutture pubbliche o i saccheggi dei negozi hanno causato danni per un miliardo di euro, secondo il Senato.


A.Lo.

#French

-

PREV In Svizzera il numero delle aziende agricole diminuisce, la quota del biologico aumenta
NEXT 6,5 milioni di euro di frodi individuate dall’Assicurazione sanitaria della Loira Atlantica, una cifra record