Dugny: la polizia ha dovuto neutralizzare due cani che stavano aggredendo la loro padrona

Dugny: la polizia ha dovuto neutralizzare due cani che stavano aggredendo la loro padrona
Dugny: la polizia ha dovuto neutralizzare due cani che stavano aggredendo la loro padrona
-

La polizia è dovuta ricorrere a mezzi estremi per porre fine a un vero e proprio massacro tra due cani e una donna di 43 anni, a Dugny (Seine-Saint-Denis), mercoledì intorno alle 5 del mattino. Non hanno avuto altra scelta che sparare ai due cani con la loro arma di servizio per farli lasciare andare.

I due cani stavano ancora aggredendo la loro padrona quando è arrivata la polizia. I residenti erano stati allertati dalle grida della sfortunata donna, durate “da cinque a sei minuti”, secondo una fonte vicina al caso. “Sembrava che i cani litigassero per lei, era diventata la loro preda. Uno la tirò a sinistra, l’altro a destra. L’hanno trascinata per diversi metri”, continua questa fonte. Una scena di rara ferocia è stata descritta dai testimoni.

Questa donna di 43 anni stava portando a spasso i cani del suo compagno quando questi le si sono avventati addosso. Si tratta di cani “del tipo Malinois e di un pastore tedesco”, specifica questa fonte. Le ragioni di questo attacco rimangono al momento sconosciute. “Se la polizia non fosse intervenuta tempestivamente, ci chiediamo se sarebbe ancora viva”, dice la nostra fonte.

La vittima ha riportato ferite “gravi”, in particolare ad un braccio, ma, contrariamente a quanto si diceva, “il suo braccio non è stato amputato”, conferma l’accusa. La vittima è stata trasportata all’ospedale Pitié Salpêtrière (13° arrondissement di Parigi). I suoi giorni non sono in pericolo. Non era stata ancora ascoltata questo giovedì a causa delle sue condizioni.

I segugi, ancora vivi nonostante gli spari ma gravemente feriti, sono stati portati da un veterinario, dove “la decisione di sopprimerli è stata presa congiuntamente dai servizi prefettizi per la protezione della popolazione, dall’eletto comunale alla causa animale e dal veterinario”, precisa Quentin Gesell, sindaco (DVD) di Dugny. “Il Comune era già stato allertato della pericolosità di questi cani”, aggiunge l’eletto.

È in corso un’indagine per “lesioni colpose”, aggiunge la procura. Il proprietario del cane è stato interrogato dalla polizia.

-

PREV “Ci siamo esercitati con bottiglie di sabbia bagnata!” Quando la Fiamma Olimpica passò attraverso il Tarn nel 1992
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News