stazioni metro chiuse da giugno, collegamenti impossibili

stazioni metro chiuse da giugno, collegamenti impossibili
stazioni metro chiuse da giugno, collegamenti impossibili
-

Di Le Figaro con l’AFP

Pubblicato
1 ora fa,

Aggiornamento 31 minuti fa

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

Le associazioni degli utenti dei trasporti sono infastidite dalla chiusura di alcune stazioni per tre mesi, ben prima della cerimonia di apertura, come misura di sicurezza. Chiedono alle autorità di rivedere i loro piani.

Stazioni della metropolitana chiuse per tre mesi, anche per le coincidenze: il sistema di sicurezza per i Giochi Olimpici e Paralimpici dà fastidio agli utenti dei trasporti della regione dell’Ile-de-France che da giugno subiranno disagi. Tre di essi saranno chiusi ben prima della cerimonia di apertura: le Tuileries (linea 1), ma soprattutto il Concorde (linee 1, 8 e 12), situato sotto uno stadio olimpico temporaneo, e gli Champs-Élysées Clemenceau (linee 1 e 13). I primi due saranno completamente inaccessibili dal 17 giugno, il terzo dal 1 luglio e i tre non riapriranno fino al 21 settembre.

Problema: due di queste stazioni costituiscono importanti snodi nella rete parigina. Le associazioni degli utenti dei trasporti dell’Ile-de-France chiedono alla questura di Parigi di revocare la chiusura totale. “I collegamenti sono il punto che ci pone un problema. Devono restare possibili”stima Marc Pélissier, presidente della Federazione nazionale delle associazioni degli utenti dei trasporti (Fnaut) Île-de-France. «Il servizio locale è vincolante, ma si può scendere alla stazione prima o dopo. Ma per la corrispondenza”implicano queste chiusure “un altro viaggio che potrebbe essere più lungo e impegnativo”lui spiega.

Disagi “abbastanza rapidi” per i viaggiatori

“Sì, i disagi per i viaggiatori in Île-de-France si verificheranno abbastanza presto, legati a vincoli di sicurezza”ha riconosciuto Valérie Pécresse, presidente della regione e della sua autorità dei trasporti, Île-de-France Mobilités, durante un comitato olimpico per la mobilità. “Per ragioni legate ai vigili del fuoco e ai sistemi di evacuazione, se chiudiamo una stazione dobbiamo chiudere i collegamenti”ha giustificato, incitando gli utenti “andare alle applicazioni per avere le informazioni ad esse pertinenti”. Questi vincoli sono “imposto dalla questura e dai vigili del fuoco”aggiungevano quelli intorno a lui.

Il 25 aprile, il prefetto Laurent Nunez ha anche dettagliato le quindici stazioni chiuse una settimana prima della cerimonia di apertura, il 26 luglio, perché si trovavano all’interno del perimetro di sicurezza.

#Belgique

-

PREV Parigi: sulla buona strada la riqualificazione della stazione metro La Chapelle
NEXT Uno sguardo al luna park – Le Petit Journal