Plaisir – Grandi progressi per le persone con disabilità al polo ospedaliero Plaisir

Plaisir – Grandi progressi per le persone con disabilità al polo ospedaliero Plaisir
Plaisir – Grandi progressi per le persone con disabilità al polo ospedaliero Plaisir
-

Il centro ospedaliero di Plaisir ha lanciato ufficialmente giovedì 25 aprile, davanti a un vasto pubblico venuto ad ascoltare i diversi relatori, il sesto progetto HandiConsult in Île-de-France, installato nel cuore dell’ospedale. Denominato HandiConsult78, questo progetto realizzato in collaborazione con l’ARS (Agenzia Regionale Sanitaria) offre consulenze somatiche (che riguardano il corpo) ad adulti e adolescenti con disabilità di età superiore ai 16 anni, che hanno difficoltà ad accedere alle cure.

Un approccio vitale, come ricorda il dottor Jérôme Martin Moussier. “La mancata assistenza ai pazienti disabili ha ovviamente conseguenze dirette sulla salute ma anche sulla qualità della vita e porta al disordine sociale”, ha spiegato il medico.

“Il centro ospedaliero Plaisir ha presentato domanda a seguito del bando del 4 agosto 2022 dell’ARS e abbiamo avuto la fortuna di avere una risposta positiva. Ovviamente ha giocato un ruolo la presenza all’interno della struttura di sistemi che si prendono cura di pazienti affetti da disturbi autistici. E poi il centro ospedaliero Plaisir ha competenze sulla disabilità, sulla struttura stessa dell’ospedale con le sue specialità come la geriatria o la psichiatria”, ha proseguito.

Per realizzare questo progetto, l’ospedale si è avvalso di risorse esterne come il consiglio dipartimentale degli Yvelines o la Fondazione Anne de Gaulle, che presto realizzerà il progetto AgorHa, il primo villaggio inclusivo al 100% della Regione, su un terreno situato a Montigny-le -Bretonneux (leggi le nostre edizioni del 22 novembre 2022 e del 10 ottobre 2023).

“Questa giornata è stata un grandissimo successo, siete in tanti e ne siamo molto contenti. L’ospedale Plaisir è un ospedale che è al centro della sanità pubblica perché riunisce attività di riabilitazione funzionale, psichiatria, geriatria e un importante settore della disabilità infantile e adulta. E la disabilità è davvero la spina dorsale di tutte le nostre attività”, ha dichiarato Valérie Gaillard, vicedirettrice generale del centro ospedaliero Plaisir. “Per HandiConsult78, esiste un’offerta di cure di base che comprende medicina generale, ginecologia e cure odontoiatriche. Gli ambienti sono adatti alle persone con disabilità con colori e attrezzature rassicuranti per loro. Possiamo accogliere anche persone che hanno difficoltà a comunicare”, ha continuato la dottoressa Catherine Rey Quinio.

HandiConsult78 propone quindi un’offerta assistenziale complementare in situazioni per le quali l’attuale offerta assistenziale non è possibile a causa di conoscenze e competenze specifiche relative alle specificità legate alla disabilità. Il supporto è personalizzato per ciascun paziente e gli operatori sanitari, familiari o professionisti, sono chiamati in causa in ogni fase della cura del paziente.

“Il sistema è rivolto a chiunque abbia almeno 16 anni con disabilità. Accogliamo tutti i tipi di disabilità: motoria, psicomotoria, psicologica, visiva, uditiva… Le consultazioni bianche (consulenze consigliate per preparare le persone disabili ad una visita medica, ndr) sono molto importanti perché non tutte le persone possono beneficiare di cure come me e te. Dobbiamo prenderci il tempo. Queste consultazioni creano uno spazio preliminare prima che la consultazione abbia luogo. C’è molto lavoro di preparazione”, ha indicato Sandrine Menou, dirigente sanitario di HandiConsult78.

Le prime consultazioni sono iniziate il 6 novembre 2023 con l’odontoiatria e l’oftalmologia e più recentemente con la ginecologia e l’urologia. Sono aperti dal lunedì al venerdì, con orari specifici come il martedì riservato all’oftalmologia. L’équipe di HandiConsult78, composta da una decina di operatori sanitari (infermieri, assistenti medico-amministrativi, medici, ecc.) ha beneficiato di una formazione personalizzata. Dal lancio, ci sono state 172 consultazioni che hanno coinvolto più di 100 pazienti. Per illustrare il successo del sistema, sono stati presentati casi clinici, come quello di una donna di 59 anni affetta da disturbo borderline di personalità (BPD), venuta per un trattamento odontoiatrico. “All’inizio era molto ansiosa, poi poco a poco nel corso dei consulti ha acquisito sicurezza. Alla fine, ha cambiato pettinatura, si è truccata e ha promesso di tornare in servizio”, ha testimoniato la dottoressa Isabel Noguera, collaboratrice dell’avventura HandiConsult78. La giornata si è conclusa con la presentazione dei locali.

DIRITTI D’AUTORE DELLA FOTO : ARCHIVI

-

PREV 56 personalità plurimedagliate a Nîmes durante la feria
NEXT Yonne: Una famiglia di Vaumort accetta la sfida dei rifiuti zero