Nato da madre francese e padre franco-algerino, un roubaisiano di 69 anni minaccia di deportazione in Algeria

Nato da madre francese e padre franco-algerino, un roubaisiano di 69 anni minaccia di deportazione in Algeria
Nato da madre francese e padre franco-algerino, un roubaisiano di 69 anni minaccia di deportazione in Algeria
-

Un bambino è francese, nato in Francia quando almeno uno dei suoi genitori era nato lì. » Così viene definito il diritto fondiario in Francia. Tuttavia, ” è francese di diritto il bambino nato in Francia prima del 1° gennaio 1994 da un genitore nato in un ex territorio francese d’oltremare prima della sua adesione all’indipendenza “. Non si capisce quindi perché Luc Gueduchi Sayard, 69 anni, nato a Roubaix da madre francese e padre franco-algerino, sia minacciato di espulsione in Algeria dalla prefettura delle Alpi Marittime, che gli ha inviato un OQTF (obbligo di lasciare il territorio) lo scorso novembre.

“È nato a Roubaix, non può che essere francese”

Martedì 30 aprile, il tribunale amministrativo di Nizza ha respinto il suo ricorso volto ad annullare i suoi rapporti OQTF Nice-Matin. “ Abbiamo fornito il suo certificato di nascita: è nato a Roubaix, non può che essere francese », ha dichiarato il suo avvocato ai colleghi, precisando di «non averlo fatto mai vista una cosa del genere in vent’anni al bar “.

All’età di 6 anni, all’inizio degli anni ’60, la sua famiglia si trasferì in Algeria. Per mimetizzarsi meglio, Luc Gueduchi Sayard si fece chiamare Mohamed.

Nel 2016, alla morte del padre, si trasferisce in Francia per stabilirsi in Costa Azzurra e da lì iniziano le difficoltà amministrative. Non avendo la documentazione comprovante il suo status legale in Francia, la sua richiesta di carta d’identità è stata respinta. Chiede poi un permesso di soggiorno alla prefettura delle Alpi Marittime, in quanto algerino.

In assenza di risposta da parte del prefetto, ha fatto ricorso al tribunale amministrativo, che ha ordinato alla prefettura di rilasciargli un documento. Sarebbe bastata una semplice ricevuta attestante la ricezione della richiesta di titolo. Ma la prefettura si è rifiutata di rilasciare il permesso di soggiorno e ha accompagnato il suo rifiuto con un OQTF.

Mentre Luc Gueduchi Sayard e il suo avvocato contavano sull’annullamento della decisione prefettizia da parte del tribunale amministrativo di Nizza, quest’ultimo ha respinto la sua richiesta, concordando con la prefettura. Hanno già annunciato l’intenzione di ricorrere al tribunale amministrativo di Marsiglia.


#French

-

PREV Omosessualità in Senegal: l’ambiguo “casus belli” di Ousmane Sonko – Lequotidien
NEXT Orléans: il Museo delle Belle Arti chiuderà nel 2027 per un periodo di 2 anni per essere ristrutturato