Per Régis Le Bris, “dobbiamo coltivare la speranza” per mantenerla

Per Régis Le Bris, “dobbiamo coltivare la speranza” per mantenerla
Per Régis Le Bris, “dobbiamo coltivare la speranza” per mantenerla
-
Ligue 1 (32a giornata). RC Lens – FC Lorient, venerdì (21:00)

Régis, come stai affrontando queste ultime tre partite, a cominciare dal Lens?

Il Lens è una squadra che conosciamo bene, molto intensa, che pressa tantissimo e può soffocarci con recuperi alti. Nell’attacco posizionato usa molto le fasce con cross e presenza. Abbiamo la possibilità di adattarci perché è un sistema quasi equivalente al nostro. Il resto è l’energia che metteremo e la volontà che avremo per spostare la dinamica a nostro favore. Dobbiamo mobilitare orgoglio, fierezza, impegno, superando noi stessi e tutte queste leve che in questi momenti fanno la differenza.

Come mantieni un tono positivo nel tuo discorso dopo la partita contro il Tolosa?

La tentazione sarebbe, come chiedono alcuni sostenitori e osservatori, di battere il pugno sul tavolo e sottolineare ciò che non va. Siamo in una lunga serie negativa, che non mi sembra meritata dal punto di vista dell’aspetto delle partite come contro il Tolosa (1-2) e il Brest (0-1). Dobbiamo continuare a coltivare la speranza, basandoci sulle energie positive, sulle qualità dei giocatori e del gruppo e ricercando quel piccolo orgoglio in più che hanno gli atleti di alto livello e che deve emergere. Abbiamo ancora il destino in mano e questa partita contro il Lens potrebbe essere la svolta decisiva.

Cosa ti porta a pensare che farai punti in queste ultime tre partite?

Fede nel lavoro e in questo gruppo. Ci sono stati momenti in cui non vedevo i giocatori rispondere e mi dicevo che sarebbe stato difficile ribaltare la situazione. Da gennaio ho visto in questo gruppo la voglia di fare bene. E poi la nostra capacità, tutti noi, di mobilitare l’energia in eccesso che determina il cambiamento. Si tratta di giocatori che l’hanno già sperimentato in altri club o all’FC Lorient. Oggi siamo già in Ligue 2 con i punti che abbiamo, quindi dobbiamo andare un po’ di più e dire a noi stessi che avremo provato di tutto. Se superiamo questa fase del lasciar andare, può essere l’elemento chiave del cambiamento.

#French

-

PREV Niort. 206 reati accertati in cinque giorni
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News