Il balletto vertiginoso degli insegnanti | La stampa

Il balletto vertiginoso degli insegnanti | La stampa
Il balletto vertiginoso degli insegnanti | La stampa
-

Era difficile non avere le vertigini guardando il balletto degli insegnanti in una classe di 1D anno che la mia collega Marie-Eve Morasse ha descritto mercoledì. In una sola classe, gli studenti, che stanno vivendo un anno cruciale della loro carriera scolastica, hanno visto sfilare da settembre una quindicina di persone1.


Inserito alle 1:22

Aggiornato alle 5:00

Prima c’era MMe B che, dall’inizio dell’anno scolastico, ha sostituito l’attuale MMe A, che sarebbe dovuto tornare il 1°ehm ottobre.

Allora, come MMe B doveva essere assente prima del ritorno di MMe A, entrò in scena MMe C, giusto in tempo per l’incontro dei genitori, che ha dovuto essere rinviato perché non era in servizio nessun insegnante che conoscesse i bambini della classe.

Poi, nuova tessera: si informano i genitori che MMe A non tornerà nella data prevista e MMe C sarà sostituito da MMe D… mi stai seguendo? Forse no. Ed è solo ottobre. Immaginiamo allora un bambino di 6 o 7 anni che ha difficoltà a scuola e che vedrà passare tutto l’alfabeto, o quasi, fino alla fine dell’anno.

I grandi perdenti in tutta questa storia sono gli studenti di prima elementare.D anno che cercano di imparare a leggere e a scrivere in un sistema educativo disfunzionale e incapace, nel pieno della carenza di insegnanti, di offrire loro il minimo di coerenza di cui hanno bisogno.

L’1D Tuttavia, l’anno primario è un anno cruciale nella carriera scolastica.

Sono lezioni che dovremmo affidare ai nostri migliori insegnanti, ha spesso ripetuto la psicologa Égide Royer, specialista in materia di successo accademico. Investire nella diagnosi precoce con il supporto di professionisti non sarebbe un lusso, ma una necessità se davvero avessimo a cuore il successo di tutti i bambini. E nemmeno garantire che gli studenti abbiano diritto a una certa stabilità.

Con 1.000 posti di insegnante da coprire nelle scuole del Quebec, 600 posti vacanti di tecnico dell’educazione speciale e 460 posti di psicoeducatore, logopedista e psicologo ancora in cerca di candidati, siamo molto lontani da questi nobili obiettivi. Il jackpot è un insegnante legalmente qualificato per classe. L’obiettivo del ministro dell’Istruzione, Bernard Drainville, alla vigilia dell’ultimo anno scolastico, era più modesto: un adulto per classe… forse.

Ciò che mi ha scioccato ancora più del triste balletto descritto da Marie-Eve Morasse è stato il grande “meh!” » che questa situazione inaccettabile ha suscitato proprio tra le persone che hanno la responsabilità di porvi fine.

Invece di preoccuparsi del fatto che un centro di servizi scolastici (CSS) non è in grado di fare correttamente ciò che dovrebbe fare – offrire servizi scolastici di qualità a tutti i suoi studenti – il portavoce del CSS de Montréal ha ribattuto al mio collega che bisognava “mettere la situazione in prospettiva”. Questa classe aveva scelto il numero sbagliato. Uffa! Succede !

Ci scusiamo per i bambini che hanno perso la lotteria per il diritto all’istruzione! In bocca al lupo per il loro futuro in un’altra vita!

Un secondo “bla!” » Ai vertici è arrivato il ministro Bernard Drainville, chiamato mercoledì a commentare questa vicenda. “Questa non è una situazione accettabile, se non che è una situazione con cui purtroppo dobbiamo convivere vista la carenza di insegnanti2. »

Insomma, non è accettabile, ma lo accettiamo…

Evidentemente il ministro Drainville non può rimediare alla carenza con uno schiocco di dita. Non può far apparire miracolosamente insegnanti legalmente qualificati dove non ce ne sono. Né può accelerare la formazione di competenze nel campo dell’istruzione per reclutare più rapidamente più laureati di altre discipline se le università si oppongono.

Ma il fatto che questo problema complesso non sia né nuovo né specifico per il Quebec non autorizza il ministro a considerarlo inevitabile. Né lo autorizza a tollerare l’intollerabile in attesa che la penuria si plachi.

Nel suo rapporto reso pubblico nel maggio 2023, il revisore generale del Quebec ha lanciato l’allarme sugli effetti della carenza sui bambini, in particolare sugli studenti in difficoltà che soffrono ancora più degli altri. Diminuzione della qualità dell’insegnamento in particolare a causa dell’elevato numero di insegnanti non legalmente qualificati (più di 30.000!), riduzione della coerenza degli interventi con gli studenti a causa dei numerosi cambi di insegnante durante l’anno, aumento dell’insicurezza, dell’instabilità e dell’ansia…

Nonostante i segnali d’allarme della carenza, il Ministero dell’Istruzione e il CSS esaminato non disponevano di informazioni complete e affidabili per identificare correttamente le cause della carenza e le questioni relative al reclutamento e al mantenimento degli insegnanti qualificati, lamenta il rapporto. Quanto ai meccanismi di monitoraggio volti a garantire la qualità dell’insegnamento, essi sono insufficienti.

Il revisore generale ha raccomandato al Ministero dell’Istruzione di correggere queste carenze e di attuare, in collaborazione con le principali parti interessate, un piano d’azione completo e coerente per far fronte alla carenza.

Da allora, il ministro Drainville ha creato un pannello di controllo dell’istruzione che raccoglie alcuni dati3. Abbiamo anche lanciato qua e là iniziative per sopperire alla carenza di insegnanti qualificati. Ma si attende ancora il piano d’azione globale e coerente che, ad esempio, fisserebbe un limite al numero di cambi di insegnante per studente e fornirebbe agli insegnanti esausti che stanno pensando di lasciare la professione il sostegno di cui hanno bisogno per restare.

Un cruscotto nella cabina di pilotaggio è molto buono. Ma un pilota dell’aereo che non si limitasse ad alzare le spalle e ad ammettere che lo schianto è inevitabile, sarebbe ancora più rassicurante.

1. Leggi “Un balletto di “maestri” in 1D anno ”

2. Leggi “Una situazione non “accettabile”, dice Drainville”

3. Consulta il dashboard dell’istruzione del governo del Quebec

-

PREV Festival: La Nouvel Opéra di Friburgo dedica il suo festival Klanggg alla musica di Vivaldi
NEXT “Il sindaco qui è importante, soprattutto d’inverno”: intervista a Jocelyne Baruffa, deputata eletta di Châteauneuf-d’Entraunes