Quasi 800 manifestanti in corteo a Losanna

Quasi 800 manifestanti in corteo a Losanna
Quasi 800 manifestanti in corteo a Losanna
-

Martedì sera a Zurigo, il Losanna ha chiuso con il fiato sospeso la sua stagione durante l’Atto VII della finale della National League. Ma l’LHC ha dimostrato di essere sulla strada giusta.

Lo dicono tutti gli atleti: “Una finale non si gioca, si vince”. Ma per il Losanna questa finale persa non ha un sapore così amaro. Perché il club doveva rimettersi in piedi dopo il governo degli anni Svoboda.

Dopo aver mancato di poco gli spareggi l’anno scorso, i vodesi hanno lavorato con calma sotto la guida di Geoff Ward. Il sessantenne canadese e il suo staff sono riusciti a mettere insieme una squadra che ha dato filo da torcere allo Zurigo in finale.

Fust e funziona

Con margini di manovra limitati a causa dei numerosi (grandi) contratti firmati dal suo predecessore, il direttore sportivo John Fust ha svolto un ottimo lavoro. L’ingaggio dei due difensori svedesi Christian Djoos e Lawrence Pilut si è rivelato un colpo da maestro.

Ingaggiato anche il portiere Connor Hughes dal Friburgo. Anche se il ceco Simon Hrubec alla fine ha avuto l’ultima parola con due shutout, lo svizzero-canadese si è dimostrato molto solido e ha concluso la finale con oltre il 92% di parate.

E quando Hughes si è infortunato durante la stagione, i vodesi non si sono fatti prendere dal panico cercando un portiere straniero. Hanno preferito fidarsi del loro giovane portiere Kevin Pasche che ha tenuto magnificamente la casa.

Ottimi attaccanti svizzeri

Un altro punto che ha permesso all’LHC di finire la stagione al 3° posto e avanzare ai play-off, l’emergere di giocatori svizzeri o con licenza svizzera come Tim Bozon. Il grigionese Ken Jäger ha completato perfettamente la linea di Bozon e Michael Raffl.

I suoi 27 punti in 51 partite della stagione regolare sono un nuovo record per lui. Con 37 punti (18 gol) in 50 partite, poi 11 punti di cui 6 gol in 19 partite di play-off, Damien Riat sembra finalmente sfruttare tutto il suo potenziale.

Jason Fuchs non ha battuto il suo record di punti, ma i suoi 15 gol nella stagione regolare hanno fatto molto bene alla sua squadra. Ha concluso come capocannoniere della sua squadra con 13 punti in 19 partite di play-off. Ha segnato tre gol, compreso al 107 ‘contro il Friburgo nell’Atto II della semifinale.

Menzione anche al giovane Théo Rochette. Più discreto nella finale con un gol in sette partite, il giovane attaccante 22enne è passato ai professionisti. Ha concluso questa stagione con 39 punti in 66 partite in totale.

Una forza lavoro solida

Con l’intera difesa firmata fino al 2025, il Losanna ha ancora un po’ di margine, anche se John Fust cercherà di mantenere i suoi elementi migliori. In attacco Cody Almond, Michael Raffl, Jiri Sekac e Miikka Salomäki stanno per scadere il contratto. Per vedere se il loro futuro è ancora a Losanna.

La conferenza stampa di venerdì potrà forse fornire ulteriori informazioni sul contingente vodese per la prossima stagione. In effetti non sarà facile con la Champions League.

Geoff Ward e il suo staff cercheranno di non fare come Biel. Gli zelandesi hanno avuto difficoltà a digerire la sconfitta nella settima partita della finale contro il Ginevra della scorsa stagione, e hanno dovuto la loro partecipazione agli spareggi solo a un incredibile sprint finale, eliminando in particolare i Servettiani durante il play-in.

Questo articolo è stato pubblicato automaticamente. Fonte: ats

-

PREV VIAGGI – Weekend sulla penisola di Crozon, tesoro del Finistère
NEXT Nexans Maroc lancia la 2a edizione della “Nexans Climate Challenge”