Un cane abbandonato dai padroni muore dopo quattro settimane di agonia

Un cane abbandonato dai padroni muore dopo quattro settimane di agonia
Descriptive text here
-

Questo lunedì 29 aprile 2024 è stato con sgomento che l’associazione Apeba ha scoperto un cane – Jena – vittima di abusi sugli animali, senza acqua né cibo, da parte dei suoi proprietari a La Possession. Lasciato abbandonato, il cane morì, divorato dai vermi e dalle formiche. Attenzione, le immagini possono essere scioccanti (Foto: Apeba)

“Questa è la storia di Jena, una bellissima cagna vittima dell’indifferenza e della crudeltà degli uomini, che subì il martirio fino a morire mangiata da vermi e formiche tra sofferenze atroci…”, deplora l’associazione sul suo account Facebook.

Sono stati i vicini di casa di questo proprietario a fare la segnalazione all’associazione. Sfortunatamente, era troppo tardi per Jena.

“Tre giorni fa abbiamo ricevuto la segnalazione di un cane molto magro, stanco e che faticava a muoversi tramite un video ripreso da lontano. Secondo i vicini, gli eventi andavano avanti già da un mese… I nostri volontari si sono recati sul posto il giorno successivo , questo lunedì 29 aprile, per capire la situazione e aiutare questo cane, che nel video appariva magro in mezzo all’erba, purtroppo non sono riusciti a tornare a casa, incontrando sul posto la madre del proprietario , dicendo loro che il cane non c’era, ma era andato a fare una passeggiata con suo figlio.”

“Abbiamo fatto fatica a crederle, ma visto il suo rifiuto e il disinteresse ad aiutarci, abbiamo lasciato un documento Apeba per il figlio e per essere contattati per aiutare e vedere il cane il più velocemente possibile” prosegue la associazione.

“Stiamo programmando un intervento al più presto possibile con la gendarmeria di Possessione, immediatamente presente, per recuperare a tutti i costi questo cane. Arrivati ​​sul posto alle 18,30, abbiamo constatato l’assenza dei proprietari. Accompagnati dal gendarmi, i vicini ci aprono gentilmente la porta per farci vedere e poi, è orrore, lei non si muove più, il suo cuore ha smesso di battere…”


– Un cane abbandonato –

Come racconta l’associazione, Jena è stata ricollocata in una casa un mese e mezzo fa, in seguito alla separazione dei suoi proprietari.

“A differenza di prima, quando avevo attenzioni, cibo e qualcosa per vivere, sono stato gradualmente trascurato. All’inizio mi davano da mangiare e il mio padrone mi ha comprato anche un’imbracatura per fare una passeggiata e poi niente…”, dice Apeba.

Gravemente ferita con una grossa ferita alle zampe posteriori, non curata, la cagnolina non poteva più muoversi. “Le bestie cominciarono a divorarmi. Giorno e notte…”


– L’abuso è punibile dalla legge –

Per l’associazione Apeba, “non è solo necessario che le risposte durante gli interventi aumentino di intensità. Infatti, le persone che pensano di aver lasciato morire lentamente il loro cane devono essere portate alla stazione per essere responsabilizzate e messe in custodia, così come fatto nella Francia metropolitana.

L’associazione intende sporgere denuncia “contro madre e figlio per un atto di crudeltà e spera nella pena massima che è di 5 anni di carcere e 65.000 euro di multa”.

“Si ricorda che l’abuso sugli animali è punibile con una multa di 750 euro (articolo R654-1 del Codice penale). Questa sanzione è aumentata a 3 anni di reclusione e una multa di 45.000 euro in caso di atto di crudeltà o barbarie verso un animale” ricordano le forze dell’ordine.

Se sei testimone di un atto di maltrattamento sugli animali, puoi segnalarlo tramite l’applicazione My Security.


www.imazpress.com/[email protected]

Notizie sull’Isola della Riunione, Animali

-

PREV SENEGAL-MINES / Contenuti locali: 40 donne di Bosséa formate nella tintura e nella saponificazione – Agenzia di stampa senegalese
NEXT Timothée Paris propone alle sue scarpe un primo negozio