un Gioco di Esplorazione organizzato alla Cité du Train

-

An Exploration Game arriva alle Quays of History il 18 maggio

Credito: La città dei treni

Ritorna per a quarta edizione ! L’Gioco di esplorazione del Città dei treni aveva deliziato i partecipanti negli anni precedenti, per il 2024 pochi 140 giocatori anche chi parteciperà il 18 maggio non rimarrà deluso. Nel programma riflessione E ricerca per provare a vincere in squadra, contro le altre 27. Il concetto è semplice: aprire le quattro scatole misteriose e per raggiungere questo obiettivo basta cercare il indizi sparsi per il museosenza cedere al pressione del tempo e ilprogressi delle altre squadre.

Informazioni utili

Per tentare la fortuna durante questa notte di indagini, registrati direttamente sul sito web del museo o tramite BilletWeb. Si svolgerà la serata dalle 20:30 alle 22:30 ma pianifica di arrivare in giro 20:15 per un briefing preparatorio. Al termine verrà anche redatto un resoconto per congratularsi con i giocatori e raccogliere le loro sensazioni. La partecipazione ha raggiunto il 125€ a gruppoogni squadra può ospitare partecipanti di tutte le età per a minimo di 10 anni e per un numero massimo 5 persone.

Un concetto divertente ispirato alle Escape Rooms

L’Exploration Game avrà quindi luogo in immersione totale in un museo di Mulhouse. La Cité du Train, patrimonio della SNCF, apre le sue porte per una serata ricca di emozioni e colpi di scena, “ una competizione divertente e innovativa » secondo gli organizzatori. Il concetto è tratto da Gioco di fuga, un vero e proprio fenomeno che continua ad espandersi in Francia. Per questi giochi, l’obiettivo è riuscire a uscire dalla stanza prima che il timer scadarisolvendo a serie di enigmi e raccogliere indizi. Qui l’obiettivo non è fuggire ma raggiungere finire prima degli altriun vero corsa contro il tempo per i partecipanti.

#French

-

PREV Temporali: Météo France prevede il dipartimento dell’Orne per questa domenica
NEXT 200 persone riunite a Indre: il progetto del centro di accoglienza per richiedenti asilo si divide ancora a Bélâbre