Abbiamo testato per te: creare il tuo gin presso la distilleria C’est Nous, vicino a Caen

-

Di Editoriale Caen
pubblicato su

1 maggio 24 alle 18:48

Vedi le mie notizie
Segui Liberté Caen

Creato nel 2016 da Julie Leroux e Dave Granville, Siamo noi è un microdistilleria è venuto a stabilirsi ormai da due anni Colombelles (Calvados) ai margini della ZAC Lazzaro.

Nel 2024 i due manager si propongono una novità : delle laboratori di distillazione (che abbiamo testato) e a laboratorio di miscelazione del rum.

Gin artigianali

“L’idea iniziale era quella di realizzare uno dei primi gin artigianali in Francia”, spiega la coppia. Una scommessa vincente poiché il gin C’est Nous è stato premiato più volte con medaglie, tra cui quella di “Miglior gin francese”.

Dal 2016 la gamma si è ampliata e la distilleria offre ora splendidi liquori distillati a mano in piccoli alambicchi tradizionali, un metodo che consente il massimo contatto con il rame, creando così distillati puri e rotondi.

Il nostro obiettivo è creare distillati che possano essere consumati come preferisci, con convivialità, condivisione e in modo ponderato e responsabile.

Giulia Leroux
Piccoli alambicchi in rame ©Liberté

Ho distillato il mio gin secondo la “mia” ricetta

Dietro la sala vendita ed esposizione, entro in una piccola stanza dove c’è un grande tavolo su cui sono sistemate una quarantina di piccole bottiglie. Quando mi siedo, mi trovo davanti, come le altre persone attorno al tavolo, una ciotola di acciaio inossidabile, una piccola bilancia elettronica, un mortaio e un pestello e un foglio che mi invita a realizzare la mia ricetta di gin.

Per la base sono essenziali due ingredienti: dai 7 ai 10 grammi di bacche di ginepro e dai 2 ai 5 grammi di radice di angelica. Sono i botanici nel cuore. Poi, secondo i vostri desideri e gusti, potrete aggiungere fino a 6 tipologie di aromatiche disponibili nelle bottiglie allineate al centro del tavolo identificate da un punto colorato: agrumi, fiori, spezie, erbacee, fruttate e un tocco di follia. Da parte mia decido di aggiungere menta, fiori di ibisco, lampone, arancia e kumquat, perché mi piacciono gli agrumi.

Una quarantina di aromatici disponibili ©Liberté

Passiamo all’alambicco

Una volta completata la miscela, i partecipanti vengono invitati nella stanza successiva attorno alla quale sono disposti 6 o 7 alambicchi di rame e bottiglie di vetro. Tutto è pronto in anticipo per continuare l’esperimento, l’alambicco è già pieno di alcol neutro e quindi aggiungo la mia selezione di aromatici. Una volta accesa la piastra, “è necessario che la temperatura raggiunga poco più di 60°C perché qualche goccia inizi a cadere all’uscita della serpentina bagnata dall’acqua di raffreddamento”, mi spiega Dave con un leggero accento irlandese. accento.

Video: attualmente su Actu

È così, scorre. Ci infilo il dito per farmi un’idea del risultato. L’aroma è sottile e molto concentrato, come un olio essenziale, e posso vedere chiaramente il lato agrumato.

L'idrometro indica 87° alcolici
L’idrometro indica 87° alcol ©Liberté

Un gusto unico

Una volta che la temperatura dell’alambicco raggiunge gli 80°C, il flusso diventa regolare e il contenitore si riempie poco a poco. Verso il liquido in una sorta di contenitore alto e sottile e inserisco l’idrometro. Questo mi dice 87% di alcol, che è in linea con le aspettative. Su indicazione di Julie, verso poi il tutto in un contenitore più grande e aggiungo una buona quantità di acqua quindi mescolo il tutto con un cucchiaio lungo.

La produzione del mio gin personalizzato è completata. Non resta che versarlo nella graziosa bottiglia da 70 centilitri fornita dalla distilleria e inserirvi il grosso tappo di sughero. Ecco fatto.

Il tappo è sigillato con ceralacca
Il tappo è chiuso con cera ©Liberté

Tappo sigillato con cera

Ultimo passaggio, Julie mi chiede di girare la mia bottiglia su una ciotola di cera calda e di immergervi il collo e il tappo per garantire una chiusura ermetica.

Ultimo passaggio, forse il più difficile: trovare un nome per personalizzare il prodotto prima di partire con la bottiglia! Eureka! E se lo chiamassi “Ima’ Gin”?

Quanto costa ?

Per il laboratorio di distillazione, il costo è di 95 €/persona per 1h30-2h di laboratorio. Massimo 7 persone. Per la miscela di rum: 65€ per il workshop di 1h30. Massimo 8 persone.

L’abuso di alcol è pericoloso per la salute. Da consumare con moderazione.

Distilleria C’est Nous – 6, rue Francis de Pressencé a Colombelles. Orari di apertura: venerdì dalle 10:00 alle 18:00 e sabato dalle 10:00 alle 17:00. Tel: 07 83 89 70 30 o 07 82 86 52 54. Sito web: cestnous-gin.com

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

PREV Tutte le farmacie e i veterinari di guardia questo mercoledì 1 maggio nel distretto di Vichy
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News