Omicidio di Matisse: “Vivrò per te”, le strazianti parole del padre dell’adolescente in un messaggio di addio al figlio

Omicidio di Matisse: “Vivrò per te”, le strazianti parole del padre dell’adolescente in un messaggio di addio al figlio
Omicidio di Matisse: “Vivrò per te”, le strazianti parole del padre dell’adolescente in un messaggio di addio al figlio
-

Questo martedì 30 aprile 2024, il padre di Matisse, l’adolescente di 15 anni ucciso a Châteauroux lo scorso fine settimana, ha parlato su Facebook e ha rivolto alcune parole al figlio scomparso.

Il 27 aprile Matisse, 15 anni, è morto dopo un alterco con un altro adolescente e sua madre, che da allora sono stati incriminati. Il padre della vittima, Christophe Marchais, ha parlato della morte di suo figlio. È attraverso una pubblicazione su Facebook che ha reso omaggio a Matisse e gli ha rivolto le sue ultime parole.

“Riderò nella tua memoria”

“Il mio gatto… La mia grande lontra…”, ecco i soprannomi di Matisse usati da suo padre per iniziare questo messaggio. “Non te lo meritavi… Nessuno se lo merita, ma soprattutto tu no! Eri una persona davvero simpatica, troppo simpatica, che non avevi le armi per queste frequentazioni dalle quali eri attratto da diversi anni.” settimane…”, ha scritto sul suo conto.

Dopo aver sollevato il tema della velocità della morte di Matisse, Christophe Marchais si interroga su cosa succederà dopo senza di lui. “Cosa resta? Abbiamo ancora il tuo ricordo, abbiamo ancora questi 15 anni meravigliosi trascorsi con te!”possiamo leggere su Facebook. “In effetti, la cosa più difficile oggi è immaginare che non ci vedremo più”ha dichiarato il padre in lutto prima di condividere i momenti di complicità vissuti con Matisse.

“Vivrò per te e riderò nella tua memoria. Ecco il mio gatto, questo bigliettino per dirti che ti amo, per dire ai genitori di prendersi cura dei propri figli, perché la vita è fragile, e questo Mi mancherai per sempre…TI AMO”ha concluso.

-

PREV Quando le mascotte fanno brillare il Quebec a livello internazionale
NEXT L’ambasciatore algerino abbandona le sue responsabilità arabe al Consiglio di Sicurezza per la sua agenda sul Sahara a Caracas