Francia – Mondo – Usati proiettili di gomma e gas lacrimogeni: scontri tra manifestanti pro-UE e polizia in Georgia

Francia – Mondo – Usati proiettili di gomma e gas lacrimogeni: scontri tra manifestanti pro-UE e polizia in Georgia
Francia – Mondo – Usati proiettili di gomma e gas lacrimogeni: scontri tra manifestanti pro-UE e polizia in Georgia
-

I manifestanti georgiani, che protestano a migliaia contro un disegno di legge controverso, questo mercoledì mattina hanno eretto barricate davanti al Parlamento nella capitale Tbilisi dopo essere stati colpiti con gas lacrimogeni e proiettili di gomma dalla polizia, ha osservato un giornalista dell’AFP.

Il paese del Caucaso è in preda a massicce proteste antigovernative dal 9 aprile, dopo che il partito al governo Sogno Georgiano ha reintrodotto un disegno di legge sulla “influenza straniera” ritenuto contrario alle aspirazioni di Tbilisi di aderire all’Unione europea (UE).

La polizia antisommossa mascherata è intervenuta martedì sera, senza preavviso, usando gas lacrimogeni e proiettili di gomma, picchiando e arrestando decine di persone, secondo un giornalista dell’AFP presente sulla scena. Diversi giornalisti sono stati aggrediti, tra cui un fotografo dell’AFP che è stato picchiato con un manganello di gomma, sebbene chiaramente identificato come un professionista dei media.

Il deputato Levan Khabeishvili, presidente del Movimento Nazionale Unito dell’ex presidente Mikheil Saakashvili, il principale partito di opposizione, è stato picchiato violentemente e ha dovuto ricevere cure. Le televisioni locali trasmettono immagini che mostrano il suo volto segnato dalle percosse.

Invito il Ministro dell’Interno a porre immediatamente fine alla repressione delle riunioni pacifiche, all’uso sproporzionato della forza e alla violenza contro i giovani“, ha dichiarato la presidente della Georgia, Salome Zourabichvili, contraria al partito al governo. Il difensore dei diritti georgiano, Levan Iosseliani, ha chiesto l’apertura di un’indagine sull’uso di un “forza sproporzionata“contro manifestanti e giornalisti.

Per rispondere è intervenuta la polizia”ai manifestanti che hanno iniziato uno scontro verbale e fisico con la polizia“, ha affermato il Ministero dell’Interno.

I manifestanti riuniti davanti al Parlamento hanno manifestato contro il disegno di legge su “influenza straniera“, ritenuti liberticide, fino a dopo mezzanotte, nonostante gli idranti e i gas lacrimogeni. Hanno bloccato il traffico davanti al Parlamento sul viale Rustaveli, l’arteria principale di Tbilisi, così come su diverse altre strade importanti della città.

Mercoledì mattina presto, i manifestanti hanno eretto barricate davanti al palazzo del Parlamento dopo che la polizia antisommossa se n’era andata. “Hanno paura perché vedono la nostra determinazione“, ha detto martedì sera all’AFP davanti al Parlamento una manifestante di 21 anni, Natia Gabissonia.

Non permetteremo loro di approvare questa legge russa e di seppellire il nostro futuro europeo“, lei ha aggiunto.

Il disegno di legge dovrà essere sottoposto a tre letture in Parlamento

I deputati georgiani hanno discusso martedì la seconda lettura del disegno di legge che il partito al potere spera di approvare entro la metà di maggio. Il disegno di legge dovrà essere sottoposto a tre letture in Parlamento ed essere ratificato dalla presidenza. Si prevede che il presidente georgiano porrà il veto, ma il partito al governo ha abbastanza seggi in parlamento per scavalcarlo.

Secondo i detrattori il progetto si ispira alla legge russa sulla “agenti stranieri“usato per soffocare le voci dissenzienti.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ritiene che il testo non sia compatibile con il desiderio della Georgia di diventare membro dell’UE.

Secondo il media indipendente Formula TV, proteste hanno avuto luogo anche nella seconda città della Georgia, Batumi, e Kutaisi. Lunedì diverse migliaia di persone hanno preso parte ad una contromanifestazione organizzata dal Sogno Georgiano davanti al Parlamento.

Lunedì il potente miliardario Bidzina Ivanishvili, presidente del partito al potere e considerato il leader de facto del paese, si è rivolto alla folla. Ha difeso il disegno di legge volto, secondo lui, a rafforzare la trasparenza sul finanziamento estero delle associazioni, ritenendo che “il finanziamento non trasparente delle ONG è lo strumento principale per la nomina di un governo georgiano dall’estero“.

Nella primavera del 2023, il partito al governo ha dovuto abbandonare un primo tentativo di approvare la legge, dopo massicce proteste. Diversi governi georgiani hanno cercato di avvicinare il Paese all’Occidente, ma l’attuale partito al potere è stato accusato di voler riportare l’ex repubblica sovietica nell’orbita della Russia.

A dicembre, l’UE ha concesso al paese lo status di candidato ufficiale all’adesione all’Unione, avvertendo che è necessario riformarsi prima di qualsiasi negoziato. La candidatura della Georgia all’adesione all’UE e alla NATO è sancita dalla Costituzione e, secondo i sondaggi, ampiamente sostenuta dalla popolazione.

-

PREV La magia di Pomarez ha funzionato ancora per Garonne AB
NEXT Storia della produzione dell’acero a Bellechasse: un quinto volume per Réjean Bilodeau