Azioni sindacali in bpost: niente posta né giornali distribuiti questo lunedì 22 aprile, il vostro giornale disponibile in PDF

Azioni sindacali in bpost: niente posta né giornali distribuiti questo lunedì 22 aprile, il vostro giornale disponibile in PDF
Azioni sindacali in bpost: niente posta né giornali distribuiti questo lunedì 22 aprile, il vostro giornale disponibile in PDF
-

Ecco come leggere il tuo giornale digitalmente questo lunedì 22 aprile 2024

Per accedere all’edizione di questo lunedì del tuo giornale:

  • Vai al chiosco digitale L’Avenir,
  • Inserisci il tuo indirizzo email e la password del tuo journal,
  • Scegli la tua edizione e scaricala

Ecco come attivare il tuo abbonamento digitale per leggere il tuo quotidiano L’Avenir su internet

Buona lettura !


Le azioni dovrebbero durare complessivamente un mese, con un’escalation del movimento già da qui a mercoledì, si aspettano i rappresentanti di CSC-Transcom e CGSP Post. bpost deplora la situazione ma afferma di voler dare priorità al dialogo sociale.

Stéphane Daussaint, direttore generale di CSC-Transcom Postes, ha annunciato sabato che ogni attività di distribuzione sarà interrotta questo lunedì. È quindi più che probabile che altri settori di attività seguiranno durante la settimana, ha suggerito.

Lo conferma il collega Thierry Tasset, segretario generale della CGSP Poste. “Aumenterà gradualmente, fino a paralizzare tutto mercoledì”, avverte. Dopo la distribuzione lunedì, martedì dovrebbero essere interrotti i trasporti e mercoledì i centri di smistamento, elenca il rappresentante dell’Unione socialista. Si aspetta che anche il personale degli uffici postali si unisca al movimento.

Secondo lui è stato stabilito un piano d’azione di tre settimane. “Non ho mai sentito lo staff così motivato”, confida Thierry Tasset. “Di solito siamo noi a spingere un po’ gli operai, qui siamo noi che li seguiamo”.

Per quanto riguarda l’azienda postale, deploriamo i disagi annunciati, ma sottolineiamo che “la priorità è il dialogo sociale”.

Bpost: uno sciopero “di fine” potrebbe incidere sulla distribuzione dei comunicati elettorali

Sindacati e dirigenti dovranno incontrarsi di nuovo mercoledì, ma le aspettative non sono ottimistiche nel campo della CGSP Poste e della CSC-Transcom Postes. “La direzione è chiusa”, constata Stéphane Daussaint. Si rammarica che in tre settimane non siano stati compiuti progressi e che il deposito dell’avviso di sciopero, che risale quindi a prima dell’annuncio dell’acquisizione del colosso francese della logistica Staci per 1,3 miliardi di euro, sottolinea.

Tra i punti di attrito troviamo la fine imminente (30 giugno) della concessione statale per la distribuzione dei giornali e le sue potenziali conseguenze sul personale di Bpost, ma anche un progetto di riorganizzazione sul massimo della produttività e dell’efficienza e un nuovo contratto collettivo di lavoro che prevede misure di sostegno in caso di possibili riorganizzazioni.

Sono ancora in corso trattative con gli editori per quanto riguarda la distribuzione dei giornali, indica la compagnia postale. Una delle opzioni sul tavolo sarebbe quella di affidare l’incarico all’AMP, filiale della bpost, cosa che i sindacati non vogliono. “Stiamo esplorando tutte le opzioni per garantire la continuità delle operazioni. Mantenere il volume massimo è essenziale per evitare un piano sociale. La priorità è trovare soluzioni sostenibili che soddisfino le esigenze degli editori in termini di qualità e prezzo”, insiste bpost.

Distribuzione giornali: PPP e bpost raggiungono un accordo per evitare una querela

Per quanto riguarda il progetto di riorganizzazione all’insegna della produttività e della massima efficienza, l’azienda assicura di comprendere le preoccupazioni dei propri lavoratori. “Le nostre attività postali tradizionali, come lettere e giornali, stanno attraversando un declino strutturale e questa tendenza è irreversibile e richiede continui sforzi di efficienza”, sottolinea tuttavia l’azienda a partecipazione pubblica.

“Il contesto attuale, un mercato dei pacchi competitivo e in continua evoluzione, ci impone di evolverci sempre più rapidamente”, continua. “A livello operativo si tratta di far fronte in modo flessibile alle notevoli fluttuazioni del volume dei pacchi, sia su base settimanale che stagionale. D’intesa con le parti sociali, all’interno dell’azienda vengono apportati regolarmente adeguamenti e questo processo continua, con e per i collaboratori.”

I sindacati vogliono il ritiro totale da questo progetto di riorganizzazione e dalla “minaccia permanente per l’occupazione”, mentre l’azienda non è in difficoltà ed è pronta a spendere 1,3 miliardi di euro. “I lavoratori delle poste non vogliono più essere una variabile di aggiustamento”, avvertono.

I rappresentanti dei lavoratori vogliono che si facciano investimenti in Belgio, a beneficio dei lavoratori. “Stiamo investendo nelle nostre attività esistenti ed esplorando nuove opportunità, in particolare nello sviluppo delle nostre attività logistiche B2B”, risponde bpost, illustrando le sue osservazioni con l’annuncio dell’ampliamento della capacità di smistamento di Charleroi. “Ogni investimento futuro sarà guidato da una strategia volta a garantire un futuro all’azienda e ai suoi lavoratori”, assicuriamo.

I rappresentanti dei lavoratori vogliono anche che venga trovata rapidamente una soluzione interna affinché i dipendenti della bpost possano continuare a distribuire la stampa. “Gli editori ci prendono in ostaggio”, si arrabbia Thierry Tasset, che minaccia la distribuzione dei giornali tramite postini, prevista legalmente almeno fino al 30 giugno, se non si farà rapidamente chiarezza.

-

PREV Il pubblico ministero vodese deve far fronte a un numero sempre maggiore di crimini
NEXT LA MINUTE SPORT Novità sportive per questo venerdì 17 maggio