Questi insoliti monumenti da vedere assolutamente, nella Manica

-

Di Vittoria Allaume
pubblicato su

21 24 aprile alle 12:46

Vedi le mie notizie
Seguire Côté Manche

Il Mausoleo Letenneur, a Roncey

La prima pietra di questo insolito monumento, che unisce una tomba e un’abitazione, fu posata nel 1900, alla presenza di tutti gli eredi di Auguste Letenneur che ne disegnò personalmente il progetto. Proveniente da una famiglia molto povera, Auguste è un self-made man che riesce a vendere tessuti. Questo edificio era destinato a lui, a sua moglie e a tutti i suoi discendenti.

Da vedere, la parte della volta e le sue quattro tombe (poi trasferite al cimitero di Roncey), poi, al primo livello, la “sala da pranzo”, che si affaccia… sulla volta. Ognuno il suo! La vista dalla terrazza è mozzafiato.

A Roncey, nella Manica, il Mausoleo del Letenneur è una strana costruzione, tra una cripta e un’abitazione. Lo dobbiamo ad Auguste Letenneur (1832-1916). La prima pietra fu posta nel 1900. ©Hélène Perraudeau – Côté Manche.

Maggiori informazioni: municipio di Roncey, 02 33 46 93 35.

L’hangar del dirigibile, a Ecausseville

Questo immenso edificio di 150 metri di lunghezzalarga 40 metri e alta 31 metri non passa inosservata nel panorama!

Costruito dalla Marina francese dal 1917 al 1919, questa gigantesca cattedrale di ferro fu utilizzata per ospitare due dirigibili da guerra. Questi enormi palloni venivano utilizzati per monitorare il mare e per scoraggiare il nemico, ma anche per attaccare i sottomarini.

L’hangar del dirigibile di Ecausseville, un sito unico da vedere nel Canale della Manica. ©D. Daguier – CD 50.

D’ora in poi potrete provare un’attività insolita quanto il luogo stesso: l’aéroplume che ve lo permette volare come un uccello.

Apertura e visita dell’hangar nei mesi di maggio e aprile, tutti i giorni dalle 14:00 alle 18:00 Aperto durante i ponti. Maggiori informazioni: www.aerobase.fr; aeroplume.fr

L’obelisco di Martinvast

Una strana torre, erroneamente chiamata obelisco, si erge nei campi, a ovest del villaggio di Hardinvast e a sud del castello di Martinvast. Ha base quadrata con quattro facce triangolari con punte acuminate.

Video: attualmente su Actu

Secondo il sito lieu-insolites.fr, fu il generale e conte Alexandre Henri Adeodate du Moncel, allora consigliere regionale e deputato della Manica, a far costruire questo obelisco, tra il 1820 e il 1840. L’obelisco fu senza dubbio utilizzato come arredo da giardino, una tipologia di “fogliame” molto di moda tra i nobili dell’epoca.

La leggenda narra che la famiglia utilizzasse questo gazebo inviare segnali luminosi agli amici dall’altra parte della valle…

Dalla D650 che collega Barneville-Carteret a Cherbourg, prendere la D152 fino a Hardinvast. All’ingresso del villaggio, prendere la prima strada a sinistra “chemin de l’obélisque”.

La Pierre au Rey, a Flamanville

Il monumento è costituito da un enorme blocco, stimato in più di 10 tonnellate, in equilibrio su tre rocce più piccole. Queste rocce sono prolungate, verso il mare, da due file di pietre semisepolte che formano un corridoio.

Uno strano edificio nella Manica, a Flamanville: La Pierre au Rey. Il monumento è costituito da un enorme blocco, stimato in più di 10 tonnellate, in equilibrio su tre rocce più piccole.
Uno strano edificio nella Manica, a Flamanville: La Pierre au Rey. Il monumento è costituito da un enorme blocco, stimato in più di 10 tonnellate, in equilibrio su tre rocce più piccole. ©Wikimanche – CC.

Chiamato Castel Dolmen, Pierre au Rey o du Trépied, il monumento si trova a punto più alto della scogliera nel luogo chiamato “La Nique”. Secondo il sito lieu-insolites.fr, la leggenda narra che si trattasse di un disco che Gargantua, di ritorno dalle Isole Chausey, lanciò in direzione di Flamanville.

L’enorme blocco di pietra reca un’iscrizione indecifrabile incisa in epoca sconosciuta. La scoperta, nel XX secolo, di una torc (collana) celtica farebbe pensare che si trattasse di unun luogo di culto celtico.

Da Les Pieux, prendere la D4 in direzione Flamanville. Alla rotonda dopo la frazione di Bonnemains, girare a sinistra in direzione Cap de Flamanville. La Pierre au Rey si trova dietro il semaforo e il ristorante Cap de Flamanville.

Il Monumento ai Caduti di Trévières (Calvados, non lontano dalla Manica!)

Si tratta di un monumento atipico scolpito nel 1921 in omaggio ai “volti spezzati” dei Prima guerra mondiale. Raffigura una donna alata che indossa un elmo adriano, avvolta in un lungo abito.

Durante i combattimenti del D-Day nel 1944, la statua fu danneggiata… in faccia da una granata. La città ha deciso di non riparare questa faccia rotta in memoria dei combattimenti del 1944.

Lo spaventoso e commovente monumento al morto con la bocca rotta si trova a Trévières, nel Calvados, non lontano dalla Manica.
Lo spaventoso e commovente monumento al morto con la bocca rotta si trova a Trévières, nel Calvados, non lontano dalla Manica. ©Patrice 78500 – Wikipedia CC.

Questo monumento simboleggia i due conflitti mondiali e i danni irreversibili causati. C’è una copia all’ingresso del National D-Day Memorial a Bedford, in Virginia. Scultura inaugurata nel 2002 dall’ presidente degli Stati Uniti dell’epoca, George W. Bush e battezzata “La signora di Trevières”.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

PREV Il fatturato biologico di Lidl Svizzera aumenta del 10% / Il rivenditore scende del…
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News